Autista Atac si masturba mentre guida e invia il video nella chat dei colleghi: sospeso

Atac

Un autista dell’Atac è stato sospeso dalla municipalizzata perché accusato di essersi masturbato mentre era in servizio. L’uomo adesso rischia il licenziamento perché si sarebbe ripreso con il cellulare mentre faceva dell’autoerotismo. Il tutto mentre conduceva l’autobus per le vie di Roma.

Purtroppo per lui, deve aver indirizzato il video alla persona sbagliata, inviandolo in una chat WhatsApp piena di colleghi. L’uomo è stato immediatamente sospeso e lo stipendio congelato. La commissione disciplinare lo ha convocato: lui ha provato a difendersi dicendo che non è lui la persona presente nel video, ma le immagini non lascerebbero dubbi sulla sua identità.

La municipalizzata sta facendo tutte le verifiche del caso per accertare l’eventuale responsabilità dell’autista, in modo da non lasciare spazio a dubbi. Perché l’autista, se colpevole, sarà allontanato dall’azienda e inevitabilmente perderà il lavoro. L’uomo continua a negare di essere lui in quel video: la ripresa è notturna e molto movimentata dato che il mezzo è in servizio, ma non sembra esserci spazio per i dubbi.

In più, oltre al gesto, è un comportamento molto pericoloso: non avendo né le mani sul volante, né l’attenzione alla strada, ha rischiato di creare un incidente, facendo male a se stesso e agli altri.

Seguici anche su FB

Profuga ucraina morta appena giunta a Roma