Categorie
Cronaca

Draghi: “Putin non vuole pace. Bisogna essere pronti”

Le parole di Draghi in conferenza

“Putin non vuole la pace e quindi, sebbene sia esagerato parlare di economia di guerra, bisogna essere reattivi e preparati”, sono state queste le parole pronunciate da Draghi in conferenza, facendo svanire lo scenario di una soluzione alla guerra a breve.

In merito al conflitto ha esclamato fortemente che “l’Italia è preparata ad accogliere”, con il terzo settore protagonista anche nella cooperazione con Varsavia e che la Protezione civile fungerà da commissario per l’emergenza. Per tenere duro sulle sanzioni, per dare la disponibilità a intensificarle e per dare accoglienza a chi scappa dalla guerra serve anche attenuare le conseguenze economiche della crisi.

Al primo posto vi è il problema energetico: il premier pensa possa funzionare un tetto ai prezzi oltre al sostegno a famiglie e imprese. Per il resto, bisogna proseguire su diversificazione e rinnovabili, per le quali servono semplificazioni europee e nazionali.

Inoltre, sembra scemare l’ipotesi di dazi, che chiamerebbero controdazi; dunque no al protezionismo ma anzi, si punta a rafforzare le relazioni commerciali con Canada, Usa, Argentina, soprattutto nel settore agroalimentare.

Ha concluso affermando che l’Italia non manderà soldati sul suolo ucraino.

Seguici anche su FB

Tifosi olandesi aggrediti in centro: interviene la Digos

I commenti sono chiusi

Exit mobile version