Economia di guerra, come impatterà sui portafogli degli italiani

mini market

Economia di guerra, già perché la guerra in Ucraina, oltre a causare la morte di migliaia di persone e a distruggere un intero Paese, sta avendo pesantissime ricadute sull’economia mondiale ed avrà forti ricadute sui portafogli degli italiani.

Sono previsti aumenti non solo sui prezzi della benzina ma su tanti altri settori, anche gli inimmaginabili. Innanzitutto il caro bollette e l’aumento del costo dei prodotti del supermercato.

Al centro della bufera vi è sicuramente l’aumento del prezzo della benzina che, da qualche giorno, sta preoccupando gli italiani.

È una situazione precaria perché fortemente in evoluzione. L’aumento del prezzo del carburante incide sul trasporto dei prodotti agroalimentari, le quali subiranno il medesimo destino.

Economia di guerra: settore ittico in crisi

Tra i settori più a rischio vi è quello ittico. i titolari dei pescherecci di gran parte del litorale laziale (e italiano) hanno annunciato che resteranno fermi sino al 13 marzo per protestare proprio contro il caro gasolio. Il che significa che il pesce inizierà a scarseggiare, e che le pescherie saranno costrette ad applicare rincari.

Seguici anche su FB

UDINESE-ROMA: PROBABILI FORMAZIONI