PUTIN: “Un passo dalla sovranità della Russia. Le sanzioni? Tentano di limitare la nostra libertà”

putin
putin

Putin ha affermato di aver firmato un decreto sulla nuova procedura per il pagamento del gas russo in rubli da parte dei paesi ostili: dovranno aprire conti nelle banche russe. L’ordinanza entrerà in vigore oggi, 1 aprile.

Se questi paesi non effettueranno pagamenti in rubli a partire dal 1 aprile, lo considereremo un inadempimento sui contratti del gas ed in questo caso i contratti esistenti, e conseguentemente le forniture, verranno interrotte.

Putin ha inoltre aggiunto che il decreto sul pagamento del gas in rubli è un passo verso la sovranità finanziaria della Federazione Russa.

“Continueremo a fornire gas in volume e a prezzi contrattuali. Questi prezzi sono inferiori alle quotazioni di mercato ed abbiamo fornito istruzioni precise per il pagamento in rubli ma senza pagamento, non forniremo gas”.

Putin ha poi aggiunto: “gli Stati Uniti hanno scatenato una guerra economica contro la Russia. Cercheranno di sfruttare l’onda dell’instabilità economica. L’Europa sta affrontando una massiccia deindustrializzazione e perdita di posti di lavoro a causa delle azioni statunitensi”.

Putin: “le sanzioni tentano di bloccare il nostro diritto ad essere la Russia”

E per quanto riguarda le sanzioni, ha affermato: “Tutte le sanzioni contro la Russia sono state preparate in anticipo, sarebbero state comunque introdotte. Sono un tentativo di bloccare la nostra crescita ed il nostro potenziale, il nostro diritto alla libertà e all’indipendenza, il nostro diritto ad essere la Russia, il nostro rifiuto di ballare la musica di qualcun altro e di sacrificare per questo i nostri interessi e i nostri valori”.

Seguici anche su FB

Angelina Jolie al Bambin Gesù