Scuola, mobilità docenti 2022: pubblicati i trasferimenti. Come e dove vederli

regole covid scuola

Mobilità docenti 2022: escono oggi, martedì 17 maggio, gli esiti delle domande di trasferimento dei docenti presentate a marzo per l’anno scolastico 2022-2023. La procedura consiste nel trasferimento di sede o ruolo di docenti, personale educativo e insegnanti di Religione con contratto a tempo indeterminato. La domanda quest’anno poteva essere presentata dal 28 febbraio al 15 marzo 2022, come stabilito dall’ordinanza del ministero dell’Istruzione pubblicata il 25 febbraio che, come in ogni stagione scolastica, aveva avviato le procedure di mobilità del personale docente, educativo e Ata per l’anno successivo.

Scuola, mobilità docenti 2022: Come si presentava la domanda

La domanda di mobilità andava compilata e inoltrata sul portale online del ministero dell’Istruzione, nella sezione dedicata alle Istanze. Per i docenti di Religione cattolica era stata, invece, predisposta un’apposita ordinanza e hanno dovuto compilare la domanda utilizzando il Modello disponibile alla voce Modulistica-Mobilità del portale.

Per accedere al sito occorreva essere registrati all’area riservata del portale ministeriale, oppure si poteva accedere usando le credenziali Spid. La domanda doveva essere inoltrata entro il termine ultimo fissato dall’ordinanza, che quest’anno era stata fissata il 15 marzo per il personale docente e il 21 marzo per il personale educativo.

Scuola, mobilità docenti 2022: Dove vedere gli esiti

L’elenco di coloro che hanno ottenuto il trasferimento viene pubblicato, entro oggi, nell’albo online dell’Ufficio territoriale di destinazione. Accanto a ogni nominativo viene scritta la scuola di destinazione, la tipologia di posto richiesto, il punteggio complessivo, le eventuali precedenze.

Ai docenti che hanno ottenuto il trasferimento viene data comunicazione anche via mail, all’indirizzo inserito nel portale Istanze online. Chi non ha ottenuto il trasferimento è informato sempre per posta elettronica e l’esito della propria domanda è visibile anche sul portale online. Contemporaneamente, gli uffici comunicano l’esito alla scuola di provenienza, alla scuola di destinazione e alla Ragioneria territoriale dello Stato. I dirigenti scolastici devono segnalare l’avvenuta assunzione di servizio dei docenti trasferiti all’Ufficio scolastico regionale e alla Ragioneria.

Seguici anche su FB

Roma, accoltellato dal figlio: è in gravi condizioni