REGIONE LAZIO Zingaretti — Questa mattina, superata la mozione di sfiducia nei suoi confronti, il governatore ha presentato il bilancio 2019/21 in consiglio regionale

REGIONE LAZIO Zingaretti: “Si tratta di una manovra decisiva perché certifica un fatto storico: nel 2013 il disavanzo era a 13 miliardi. Oggi è di 490 milioni. Tutto questo è stato realizzato in cinque anni. Questo significa liberare risorse per investimenti, per i servizi dedicati alla gente, per garantire una certa stabilità”. La manovra di bilancio 2019-2021, al netto del settore sanitario, di ulteriori risorse vincolate e delle partite tecniche, ammonta complessivamente a 3,42mld di euro per l’anno 2019, 3,31mld per l’anno 2020 e 3,27mld per l’anno 2021. Di questi, relativamente al 2019, 343,9 milioni sono destinati al Fondo taglia tasse, 832 milioni alle spese di funzionamento e obbligatorie, e 1,34 mld al servizio del debito.  Alle politiche settoriali di natura corrente sono destinati circa 651,7 mln, di cui oltre la metà (341,1 milioni) è destinata al trasporto pubblico locale e al cofinanziamento regionale dei fondi strutturali. “Finalmente – ha poi proseguito Zingaretti – apriamo la strada dell’inizio di una riduzione fiscale, confermando l’Irpef e aprendo il capitolo Irap. Era un sogno ormai da dieci anni, e grazie a un cospicuo lavoro di risanamento e allo sforzo di efficientamento in un momento difficile per le imprese e per il lavoro, questo diventa un segnale in controtendenza. Il Lazio dà un segnale in controtendenza. Nel fondo che abbiamo previsto nel triennio ci sarà circa un miliardo di euro l’anno di riduzione della fiscalità nella nostra regione. Un segnale, questo, che la società e i lavoratori si aspettavano e che noi vogliamo dare”.

Ti potrebbe interessare