Vicepremier e Sindaca di Roma

SICUREZZA Di Maio si schiera contro la Raggi nel botta e risposta con Salvini.

SICUREZZA Di Maio si schiera contro la Raggi. La sindaca ieri, dopo l’agguato alla Magliana, è stata protagonista di uno ‘scontro’ con il ministro dell’Interno Salvini. Scontro in cui in tarda serata si è intromesso anche il vicepremier e capopolitico del M5s. Il quale non si è schierato a favore della Raggi nè ha giocato da pacificatore, anzi è rimasto sorpreso. Grande è stata la sua ira nei confronti della prima cittadina, frontwoman del suo movimento.

Non l’ha dichiarata ufficialmente, ma fonti autorevoli sono riuscite comunque a farla trapelare. Si parla di un Di Maio furioso, che, dovendo già fronteggiare gli alleati leghisti su migranti e grandi opere, si sarebbe volentieri risparmiato anche il fronte romano. Fronte che anzi è stato visto come un regalo a Salvini: il vicepremier non aveva infatti perso tempo e subito dopo l’agguato alla Magliana, si era precipitato, attraverso una diretta Facebook, ad affondare il colpo sulla sindaca.

Il tutto per rispondere ai tweet e ai post facebook della sindaca, del presidente dell’assemblea capitolina e di ben 9 consiglieri pentastellati. Tutti al grido di “dove sono i poliziotti promessi”?. E, come se non bastasse, ci si era messo anche Marcello De Vito con l’hashtag #salvinisveglia. Una manna per una star social come Salvini. Che infatti dopo nemmeno un’ora, divisa della polizia indosso e cellulare alla mano, ha intimato alla Raggi “di fare il proprio lavoro”.

La controreplica della prima cittadina non si è fatta attendere. “Caro Matteo Salvini, bando alle chiacchiere e mettiamoci a lavoro. Io faccio il mio” e una chiusura tra l’ironico e il polemico: “Permettimi una battuta. Per due anni è sempre stata solo e esclusivamente #TuttaColpaDellaRaggi. Benvenuto nel club“.

La Raggi era certa di essere spalleggiata da Di Maio o comunque dai compagni di partito. Così però non è stato. Il vicepremier l’ha infatti attaccata, spedendo a lei e al Campidoglio un messaggio: lavorate. “Stiamo facendo l’impossibile per assumere nuovi poliziotti in tempi record – sbotta il vicepremier con alcuni fedelissimi – I soldi per Roma Capitale sono stati stanziati 10 giorni fa in legge di bilancio“.

Non fa fuoco su Salvini Di Maio, irritato per un botta e risposta inutile. “Ma perché non si mettono attorno a un tavolo anziché twittare – sbotta Di Maio coi suoi – Le risorse per le forze dell’ordine sono in manovra e a breve arriveranno i nuovi assunti. Veniamo da 20 anni di tagli a Polizia e Carabinieri…“.

LEGGI ANCHE ZINGARETTI A ZAGAROLO PER…

Ti potrebbe interessare