ROMA Via libera alla funivia Battistini-Casalotti

ROMA A mesi dall’annuncio della sindaca Virginia Raggi la capitale potrebbe finalmente avere la sua funivia. La funivia Battistini-Casalotti infatti avrebbe ottenuto l’ok per il finanziamento da parte del Ministero dei Trasporti.

Il progetto per un sistema a fune urbano che colleghi Battistini (capolinea della linea A della metropolitana) e la parte fuori del GRA del quartiere Boccea faceva parte di un pacchetto di sette opere che il Comune aveva inviato al ministero in occasione del bando annuale per il finanziamento del Tpl urbano. Oltre alla funivia Battistini-Casalotti la lista includeva i tram su via Tiburtina, su via Cavour, su via Palmiro Togliatti, un secondo sistema a fune tra l’Eur e la Magliana, la trasformazione (con prolungamento) della linea Termini-Giardinetti e il finanziamento di 50 nuovi tram di ultima generazione. Per il finanziamento manca la firma del nuovo ministro dei Trasporti Paola De Micheli ma il Comune avrebbe già incassato il via libera per le risorse per la funivia Battistini-Casalotti, per la nuova tramvia sulla Togliatti e per i nuovi tram.

La Battistini-Casalotti è lunga 3,85 chilometri e dovrebbe costare 109 milioni di euro. Il progetto prevede una cabinovia simile a quelle utilizzate nelle località sciistiche. Sette le stazioni previste: Battistini, Acquafredda, Montespaccato, Torrevecchia, Campus, Collina delle Muse-Gra e Casalotti. Tra queste ultime due fermate si prevede la realizzazione di un ponte per la sicurezza del GRA. Per ora non è previsto un collegamento diretto tra il capolinea a Battistini della funivia e l’omonima fermata metro della linea A. L’impianto, provvisto di cabine da 10 posti (con sedili reclinabili) con frequenza di una ogni 10 secondi, ha una capacità di trasporto di 3.600 persone all’ora. La fune sarà sorretta da 41 pali, di altezza tra i 18 e i 36 metri. Il tempo di trasferimento tra il capolinea di Casalotti e quello di Battistini è stimato in 17 minuti e 34 secondi.

SEGUI LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

NUOVE REGOLE PER ANIMALI, EDICOLE E AREE PUBBLICHE

Ti potrebbe interessare