Seguici sui Social

Ciao, cosa stai cercando?

Cronaca Roma
La gestione dell'ansia
La gestione dell'ansia

Ultime Notizie Roma

La gestione dell’ansia causata dal Coronavirus: come gestirla

PUBBLICITA

La gestione dell’ansia è un fattore importante nella vita di tutte le persone

La nostra psicologa e criminologa Alessia Micoli, parla della gestione dell’ansia dopo tutte le emozioni che stiamo vivendo a causa del Coronavirus che ci ha costretti, a cambiare stile di vita da quando è stato scoperto.

Il virus Covid19 ha destabilizzato le vite di tutti gli individui, scatenando problematiche fisiche e psicologiche. Tra gli effetti psicologici maggiormente osservati nella popolazione, a causa dell’emergenza sanitaria Covid19, vi è l’ansia (dal latino “stringere”), ovvero quello stato di disagio, un’emozione caratterizzata da una serie di sensazioni di tensione, di minaccia, di preoccupazioni e di modificazioni fisiche, come l’aumento della pressione sanguigna o la tachicardia. Vi sono molte tipologie di ansia: il Disturbo d’ansia di separazione; il Mutismo selettivo; la Fobia specifica; il Disturbo d’ansia sociale; il Disturbo di Panico; l’Agorafobia; il Disturbo d’ansia generalizzata; il Disturbo d’ansia indotto da sostanze/farmaci; il Disturbo d’ansia dovuto a un’altra condizione medica; il Disturbo d’ansia con altra specificazione; il Disturbo d’ansia senza specificazione. Coloro che ne sono affetti hanno dei pensieri di preoccupazione ricorrenti non associati a stimoli specifici.

PROSEGUE

L’ansia ha una caratteristica positiva che ogni individuo dovrebbe potenziare: il ruolo adattivo. Quando vi sono degli elevati livelli di ansia che sono protratti nel tempo gli individui riescono ad attivare dei meccanismi di comportamento positivi che aiutano a sviluppare delle forme di adattamento che consentono di poter evitare o addirittura ridurre le situazioni di costante stress, tensione ed allarme.  Se determinati meccanismi vengono potenziati in maniera adeguata, tramite l’intervento psicologico che non deve intervenire soltanto quando il disagio diviene rilevante, possono fornire la possibilità di riuscire a valutare la sintomatologia ansiosa non più come una situazione che può essere minacciosa, bensì come un fattore di protezione in relazione ad una sensazione di tensione. È importante fare un percorso per capire come superare la paura, riuscire a staccare la mente quando si attivano dei meccanismi negativi, quali strategie si possono fare proprie per poterle mettere in atto nei momenti di forte tensione.

ROMA PARMA Fonseca: “Grande partita. Futuro? Non dipende da me”

ROMA – Weekend all’insegna degli assembramenti: 30 attività sanzionate


Ti potrebbe interessare