ROMA Movida — Vendita illegale di alcolici: sanzioni per 70.000 euro

ROMA Movida — Nel corso del weekend la Polizia Locale ha riscontrato violazioni per oltre 70.000 euro, a seguito delle meticolose verifiche eseguite presso locali pubblici e attività commerciali in varie zone del territorio capitolino. Nella fattispecie i controlli hanno riguardato l’osservanza delle norme anti-alcol, soprattutto nelle zone della movida cittadina. Dalle principali vie e piazze del centro Storico fino a Trastevere, Testaccio, Ostiense, ma anche Piazza Bologna, San Lorenzo e Ponte Milvio, oltre alle aree circostanti le Stazioni Termini e Ostiense, sono stati effettuati accertamenti negli esercizi commerciali, bar e ristoranti, che hanno fatto registrare illeciti per un totale di oltre 70mila euro di sanzioni. Tra le violazioni figurano la mancata esposizione di cartelli obbligatori, insegne luminose abusive, ma soprattutto vendita e somministrazione di alcolici al di fuori delle modalità consentite.

Complessivamente sono oltre 60 i verbali comminati per le irregolarità amministrative rilevate. Tra questi più di 40 hanno riguardato il consumo o la vendita e somministrazione di bevande alcoliche in luoghi e orari vietati. In alcuni casi gli agenti hanno riscontrato la reiterazione del mancato rispetto delle norme anti-alcol che ha fatto scattare la segnalazione alla Prefettura, mentre nella zona di Ponte Milvio due locali sono stati sanzionati perché sorpresi a vendere alcol a dei minori.
Ulteriori controlli sono stati eseguiti a contrasto delle condotte illecite su strada, con un migliaio di infrazioni contestate di cui 43 per eccesso di velocità. 85, invece, sono i veicoli rimossi per soste irregolari o d’intralcio. Nel corso delle verifiche per guida in stato di ebrezza, due persone sono state denunciate perché trovate con un valore superiore al limite consentito. 7, invece, le persone sanzionate nell’ambito del servizio anti prostituzione e ripristino del decoro urbano, come previsto dal regolamento di polizia urbana.

Ti potrebbe interessare