Seguici sui Social

Ciao, cosa stai cercando?

Cronaca Roma

Calcio


PUBBLICITA

Derby zaniolo prende in giro i laziali dopo la vittoria Della Roma

Zaniolo

La Roma vince il derby, e Zaniolo prende in giro i laziali

Derby Zaniolo prende in giro i laziali. Il talento giallorosso, ancora alle prese con il recupero dall’infortunio al ginocchio, ha assistito alla partita dagli spalti. In ballo, per la verità, non c’era granchè: la sconfitta di San Siro contro l’Inter aveva infatti fatto svanire anche i sogni di Europa League, relegando i giallorossi a dover lottare per i palcoscenici ‘minori’ della Conference League. Questo obiettivo è stato raggiunto, ma non è stato il solo: il 2-0 firmato Mkhitaryan-Pedro ha infatti anche ‘vendicato’ la netta sconfitta della gara d’andata. E ha mitigato in parte la delusione per la perdita, per il secondo anno consecutivo, del primato cittadino. Il che sarà anche provinciale, ma in una città come Roma, che vive di calcio 365 giorni l’anno, non è mai un discorso da poco. La felicità del Zaniolo tifoso ha dunque avuto di che scatenarsi: sia durante i 90′, in cui il ragazzo non ha fatto mancare ai compagni applausi e incitamenti. Ma anche dopo, sui social. Stuzzicando i rivali come spesso gli è capitato di fare nel corso della sua avventura capitolina. Stavolta ha postato una foto che lo ritrae alle prese con una battaglia proprio contro i biancocelesti. E l’ha accompagnata con una didascalia eloquente: un saluto scherzoso (“Ciao belli”) e l’emoticon delle ‘due pere’, a simboleggiare le due reti della vittoria. Adesso saranno dunque i romanisti ad avere un motivo in più per scatenare la loro felicità.

Ti potrebbe interessare

Coronavirus

Falsi Green pass a Roma, la Procura capitolina indaga su un medico

Cronaca

Droga dello stupro a Roma: raffica di arresti dei Carabinieri e clienti facoltosi.

Italia

Roma città più sporca del mondo: l'ultimo giudizio severissimo sulla Capitale proveniente dall'Inghilterra

Calcio

Dopo 3 giornate, Roma capolista con Napoli e Milan. Tracollo Lazio a San Siro