vice questore sospesa
vice questore sospesa

Vice Questore in piazza con i No Green pass, l’ira del ministro Lamorgese

Vice Questore in piazza con i No Green pass, la titolare dell’Interno attacca la dirigente.

Vice Questore in piazza con i No Green pass, scoppia il caso. E non manca di suscitare reazioni. Su tutte, quella di Luciana Lamorgese: il ministro dell’Interno ha definito “gravissime” le parole pronunciate sabato pomeriggio sul palco di piazza San Giovanni. Sulle quali non esclude sviluppi anche importanti: “Sono in contatto con il capo della Polizia Giannini“, aggiunge la numero uno del Viminale. Che auspica “assoluta celerità” nel chiarire la posizione della dirigente “sotto ogni profilo giuridicamente rilevante”.

Linea dura dunque da parte delle autorità, decise a procedere dal punto di vista disciplinare nei confronti dell’agente. Alla quale potrebbe dunque costare carissimo il dissenso verso il Green pass: la donna, giunta sul palco, per sua stessa ammissione, come “libera cittadina“, ha infatti definito il lasciapassare “incompatibile con la nostra Costituzione“. Un documento a cui, ha poi aggiunto, “nessun diritto deve essere subordinato”. La Vice Questore ha poi ribadito questa sua posizione, difendendosi, su Facebook.

Ha rivendicato il suo diritto a “esercitare i miei diritti previsti dalla Costituzione”, ricordando poi il carattere “pubblico” del suo ruolo. Che, spiega, le ha permesso di conseguire importanti riconoscimenti: “Ho vinto quattro premi dalla società civile“. Ma, prosegue, sabato sul palco non c’era la poliziotta, bensì “una libera cittadina che esercita i propri diritti”. Una donna, come lei stessa si definisce, “fedele alla Costituzione e al popolo italiano“. E proprio di questa dote si fa forte per inviare un messaggio ai suoi superiori: “Se non la apprezza, mi dispiace ma andrò avanti lo stesso”.

FALSI GREEN PASS A ROMA, UN INDAGATO