Maxi sequestro di oltre 40 milioni, tra i beni uno yacht del 1920

Riportato in Italia dalla Tunisia uno yacht da regata del 1920 del valore di 10 milioni di euro. Sequestrate al faccendiere Gabriele De Bono auto d’epoca e ville all’Olgiata.

Lo yacht del 1920 era tra i beni oggetto di un decreto di sequestro preventivo. Decreto emesso dal gip del Tribunale nel febbraio 2017 su richiesta della procura di Roma. Il maxi sequestro è scattato nei confronti del faccendiere romano De Bono ed è relativo al suo ingente patrimonio mobiliare (imbarcazioni e auto d’epoca di pregio tra cui Bentley, Ferrari, Jaguar e Rolls Royce) e immobiliare (lussuose ville nel quartiere dell’Olgiata) stimato in oltre 40 milioni di euro. Militari della Guardia di Finanza hanno riportato dalla Tunisia a Gaeta il natante ‘Lulworth’. Si tratta del più grande cutter aurico del mondo ( lungo 46 mt. con un albero di 52 mt. e una superfice velica di oltre 1.300 mq.) varato nel 1920.

CONTE: “DURI E INFLESSIBILI CON CHI ENTRA IRREGOLARMENTE IN ITALIA”