Seguici sui Social

Ciao, cosa stai cercando?

Cronaca Roma

Coronavirus


PUBBLICITA

“Lazio Covid free a inizio agosto”

D’Amato sicuro: Lazio Covid free a inizio agosto

vaccino-lazio

“Lazio Covid free a inizio agosto”: la previsione dell’Assessore regionale alla Sanità D’Amato.

Lazio Covid free a inizio agosto. Per la precisione, l’8 del mese. Ne è convinto D’Amato, intervistato ai microfoni de Il Messaggero. Il titolare del Dicastero stima, per la seconda settimana di luglio, di far completare il ciclo vaccinale al 60% dei cittadini over 12. Un dato che, se confermato, permetterebbe di raggiungere, entro la suddetta data, quel 70% indicato per l’immunità di gregge. Ma non solo: a suo parere, a fine luglio si dovrebbe registrare l’assenza di nuovi contagi.

Prima di allora però, avverte, lavoro da fare ce n’è ancora tanto. In particolare sulla variante indiana, nonostante, ammette, i numeri del territorio siano ancora “poco significativi“. Quanto invece ad Astrazeneca, fa sapere che, una volta finiti i richiami, non ci saranno nuove richieste: “Visto che sono limitate agli over 60 – spiega – non sapremmo come usarle“.

Poi snocciola alcuni numeri della campagna, che ha regalato alla Regione molti “effetti benefici“: ad aver ricevuto almeno una dose, rivela, sono al momento 4,6 milioni di persone, il 60% degli aventi diritto. Mentre rivendica il successo sul richiamo ‘eterologo‘: “Pensiamo sia giusto lasciare libertà di scelta“, ma a condizione che sia il medico ad indirizzarla.

LEGGI ANCHE LA LINEA SUL MIX VACCINALE

Ti potrebbe interessare

Primo Piano

Il Codacons sta preparando un esposto all'Ordine dei Medici per chiedere la radiazione di Burioni

Attualità

L'anticorpo Monoclonale potrebbe rappresentare la soluzione migliore per accelerare il processo di abbattimento delle varianti Covid-19

Attualità

Tra le conseguenze del diffondersi del Covid coprifuoco e restrizioni varie la fanno da padrone in quella che sembrava destinata a essere l'estate della...

Mondo

Oms Covid - L'organizzazione Mondiale della Sanità, nel corso del briefing di Ginevra, ha fatto presente la possibilità dell'arrivo di nuove varianti

Pubblicità