Hotel Sheraton, niente da fare: 164 lavoratori verso il licenziamento

Nessun lieto fine per la vicenda dell'hotel Sheraton, il lussuoso albergo in zona Eur

hotel sheraton
Ultimo aggiornamento:

Hotel Sheraton, la storia è finita. Neanche i negoziati sono bastati a tenerla in vita. L’ultimo tentativo ieri: cinque ore, alla presenza, oltre che dei vertici dell’azienda, dei rappresentanti di Regione Lazio e sindacati. Purtroppo però l’esito è stato negativo, e ora i 164 dipendenti della struttura sono davvero a un passo dal perdere il posto. La loro attività si era interrotta giusto due anni fa: era infatti il 16 marzo del 2020 quando il lussuoso albergo dell’Eur aveva deciso, causa pandemia, di abbassare le serrande. E da allora non le ha più rialzate, abbandonando completamente l’intero apparato. 640 stanze, 30 sale convegni, tre ristoranti e una piscina: tutto incredibilmente vuoto.

HOTEL SHERATON, IL COMMENTO DEI SINDACATI

Delusione ovviamente sul fronte politico: “L’azienda – attaccano gli assessori a Lavoro e Turismo Di Berardino e Corrado – si è dimostrata sorda e incapace di intavolare un accordo. Indisponibile ad ogni richiesta, come valutare misure alternative ai licenziamenti come gli ammortizzatori sociali. E non ne ha voluto sapere nemmeno del tavolo convocato per il 5 aprile dai ministri Orlando e Garavaglia sul tema della crisi del turismo nella Capitale“. Parole cui fanno eco quelle dei sindacati, che preannunciano per i prossimi giorni iniziative di protesta.

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK