Rai Russia, stop alle trasmissioni: via i giornalisti dal paese

Rai Russia, la decisione della tv di Stato dopo il decreto di Putin contro le fake news

Rai russia
Ultimo aggiornamento:

Rai Russia, il binomio si interrompe. L’emittente si adegua a quanto stabilito dal governo di Mosca in merito alle notizie sul conflitto in Ucraina. Da oggi quindi inviati e corrispondenti non dovranno più trasmettere i propri servizi dalla Federazione russa. A confermarlo la stessa Rai, attraverso una nota ufficiale.

In cui vengono chiariti anche gli scopi dell’iniziativa. La quale, spiega l’azienda, mira infatti in primo luogo alla tutela della sicurezza dei giornalisti sul posto. Ma non solo: essa intende anche garantire un’informazione relativa alla Russia il più libera possibile. Per questo, prosegue il comunicato, sarà affidata a giornalisti Rai che lavorano nei paesi vicini o nelle redazioni centrali italiane.

Alla tv di Stato non è andato giù che l’unica versione sulla guerra sia quella fornita dal Cremlino e chi propaghi notizie divergenti possa rischiare di essere multato o arrestato. Ha perciò deciso di abbandonare la Russia, al pari di altre emittenti locali ed estere: tra queste, la Bbc (che ha reistituito la trasmissione su onde corte) e la canadese Cbc/Radio-Canada.