Categorie
Cronaca

Cinghiali a Roma, Coldiretti: “Pericolo per cittadini e raccolti”

Cinghiali a Roma, l’allarme dell’associazione sulla presenza sempre più massiccia degli animali in città

Sul tema dei cinghiali a Roma Coldiretti è intervenuta per bocca del presidente della sezione Lazio David Granieri. Lo spunto arriva dall’aggressione subita qualche giorno fa da una donna ad opera di 8 esemplari. “I cittadini romani – afferma Granieri – sono ostaggio dei cinghiali. Sono anni che denunciamo questa situazione inaccettabile, divenuta ormai fuori controllo“. Sul succitato episodio, definito “non ammissibile in una Capitale“, il presidente sottolinea poi come questi animali “rappresentano ormai un serio pericolo per i cittadini ma anche per gli agricoltori, che, con la loro proliferazione vedono costantemente invasi i propri campi e distrutti i raccolti“.

CINGHIALI A ROMA, I NUMERI (IMPIETOSI)

E i danni, com’era prevedibile, sono in aumento: passati, spiega Coldiretti, dai 3,5 milioni del periodo pre-pandemia ai 10 dei due anni di pandemia. Di questo importo, circa il 20% si è registrato tra la Capitale e la sua provincia. Negli ultimi tempi, inoltre, anche la popolazione dei cinghiali ha fatto registrare una notevole crescita: al momento si calcolano infatti circa 100mila esemplari nel Lazio e 20mila a Roma. Quanto invece alle perdite per l’agricoltura, le punte arrivano a toccare anche quota 80% di raccolti danneggiati. E non va meglio sul fronte viabilità: per colpa dei cinghiali si verifica infatti un incidente ogni due giorni, per un bilancio di 16 morti e 215 feriti. Un dato, conclude l’associazione, raddoppiato rispetto a 10 anni fa.

I commenti sono chiusi

Exit mobile version