Roma, condanna ridotta a stupratore: scoppia la polemica

Roma, condanna ridotta a stupratore. L'episodio risale al novembre del 2021

roma
Ultimo aggiornamento:

Roma, condanna ridotta a stupratore. Dei sei anni e mezzo che gli sono stati comminati, l’uomo ne sconterà appena uno. Protagonista di questa incredibile storia un 27enne cittadino eritreo, nella Capitale senza fissa dimora. Qualche mese fa, in quel di Piazza Cavour, si sarebbe reso colpevole di un episodio di violenza sessuale ai danni di una donna, anche lei abitante per strada. Immediatamente arrestato e tradotto in carcere, ieri si è dovuto presentare nell’aula del Tribunale capitolino, quinta sezione Penale, dove ha ricevuto il pesante verdetto. I giudici, oltre allo stupro, gli hanno contestato anche lesioni aggravate e resistenza a pubblico ufficiale. Grazie però ad una parziale infermità mentale, ha potuto beneficiare di un lauto sconto di pena.

CONDANNA RIDOTTA A STUPRATORE, L’EPISODIO

L’episodio al centro del dibattimento è avvenuto in piena notte. A sporgere denuncia un tassista, che ha fatto in breve giungere sul posto i poliziotti del Borgo XVIII. Questi ultimi hanno colto il 27enne in flagrante, all’incrocio tra Piazza Cavour e via Tasso. Secondo il racconto della vittima, complici alcune difficoltà di movimento di cui soffriva, sarebbe stata fatta cadere dallo straniero. Il quale, per limitarne la resistenza, le avrebbe inferto diversi colpi con un bastone. Lo stesso che poi il ragazzo avrebbe rivolto, nel tentativo di mandarli via, anche agli operatori del 118 intervenuti. Per fortuna, gli agenti sono riusciti a bloccarlo, mettendo fine alla sua furia.

CONDANNA RIDOTTA, I PRECEDENTI DELLO STUPRATORE

E ieri per lui è giunta la condanna ridotta, grazie ad una perizia disposta dalla difesa, ad un anno di libertà vigilata. Un periodo in cui il 27enne dovrà effettuare terapie psicologiche presso la Asl. E’ stato infatti accertato che non era la prima volta che compiva gesti insani: già nel luglio 2020 aveva tentato il suicidio buttandosi nel Tevere, ma era stato salvato un agente dell’Ispettorato Vaticano .