Santoro scende in politica per le elezioni del 25 settembre: “Serve il partito che non c’è”

Il giornalista Michele Santoro si dice pronto a dare il suo contributo in vista delle prossime elezioni

santoro
santoro
Ultimo aggiornamento:

Santoro scende in politica. Il giornalista e conduttore guarda alla tornata del prossimo 25 settembre con una sua idea. Che però difficilmente si tradurrà in un partito vero e proprio. “Non posso fondarlo in una settimana“, conferma a ‘Repubblica. Salvo poi ammettere: “Sono sinceramente disponibile a contribuire con le mie conoscenze e la mia capacità di comunicazione“. Ma contribuire a che scopo? “Voglio rappresentare le esigenze di un pezzo di società – spiega Santoro – Non mi interessa fare il candidato indipendente senza un progetto che guardi al futuro“. Insomma, a giudizio del giornalista, “serve il partito che non c’è e che non c’è mai stato“.

SANTORO: “PD PARTITO NON PIU’ DI SINISTRA”

E questo può essere il Pd? Santoro non lo esclude, ma ad una condizione: “Deve rimuovere l’agenda Draghi. Altrimenti sarebbe positivo se tutti quelli che non la condividono si prendessero per mano“. Il giornalista non condivide l’attuale linea dem: “Non ha più nulla a che vedere con la sinistra. E’ un partito moderato e specializzato nel gestire il potere e partner ideale per i tecnici. Senza contare che è diventato il più atlantista di tutti“. Santoro rivolge quindi un appello a Enrico Letta: “Non dia per scontata la rottura con Conte e chieda una mano a chi, come me, rappresenta il dissenso sulla guerra“.

SANTORO: “SPAZIO PER UN CAMPO ALTERNATIVO

E, in caso di risposta negativa, ha già pronta l’alternativa: “Se insiste con questa ammucchiata di centrodestra dentro la sinistra, resta spazio per un campo alternativo. E se in questo campo si inserisse una lista per la pace, perchè no?“. E da chi sarebbe composta questa lista? Santoro ne è sicuro: “Si partirebbe da chi ha partecipato alla serata ‘Pace proibita’ al Teatro Ghione. Spero che anche Sinistra Italiana si unisca, anche se finora non ho visto Fratoianni aprire confronti“.