🟥 ULTIME NEWS

🟥 ULTIME NEWS

Aumento bollette cellulari: i nuovi costi di contratto e a chi saranno riservati

Aumento bollette cellulari, altra stangata in arrivo. E le compagnie, poverine, non possono farci nulla: è il mercato bellezze, dicono. Hanno cominciato Tim e Windtre, a cui ben presto si accoderanno anche Vodafone e Fastweb. La prima, rivela Unione Consumatori, avrebbe già rivisto al rialzo le tariffe di quasi tutti i contratti dallo scorso 1° settembre. E i rincari avrebbero importi diversi a seconda del servizio. Ad esempio, 3.90 euro (e non più 3) per ricevere la fattura cartacea. Mentre chi aderisce a offerte come ‘Tutto Voce’ o ‘Voce Senza Limiti’ dovrà sborsare 2 euro in più.

AUMENTO BOLLETTE CELLULARI, COME DIFENDERSI

Una maggiorazione quest’ultima che è stata applicata alla maggior parte dei canoni mobili, accompagnata però da quella della quantità di Giga. Si tratta, in ogni caso, di variazioni delle norme del contratto che Tim ha deliberato in piena autonomia, senza averle concordate prima con l’utente. Una cosa legittima, norme vigenti alla mano, ma ad una condizione: il tutto deve essere comunicato almeno 30 giorni prima. In caso contrario, il cliente può anche non versare la differenza con la cifra concordata alla stipula del contratto. E, se l’aumento non gli stesse bene, può disabilitare l’utenza in modo totalmente gratuito.

Fabio Villani
Laureato alla Specialistica in Filologia Greca e Latina. Esordisco nel giornalismo durante un tirocinio universitario. Tra le mie passioni, calcio, cinema e musica

LEGGI ANCHE

ULTIME NOTIZIE