“Truffa dello specchietto”, dal 2019 minacciava gli automobilisti romani. La Polizia pone fine alle sue prepotenze

“Truffa dello Specchietto”, fine dei giochi

Gli agenti della Polizia di Stato del commissariato Colombo, a seguito di approfondite indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Roma, hanno proceduto all’esecuzione di un provvedimento di carcerazione a seguito delle numerose condanne nei confronti di un 35enne, sorvegliato speciale, che dovrà espiare la pena di 4 anni, 5 mesi e 11 giorni di reclusione.

Nel corso degli anni il 35enne aveva collezionato una lunga serie di reati, tra i quali estorsione e truffa aggravata commessi nei confronti di numerosi soggetti rimasti vittime della c.d. “truffa dello specchietto” dove venivano costretti a pagare somme di denaro quale risarcimento di danni mai realmente provocati.

Grazie all’attività d’indagine intrapresa sul “modus operandi “ del reo, gli agenti son riusciti ad attribuire allo stesso numerosi reati, con più di 10 vittime, culminati nel giugno del 2019 con l’esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere. Terminato il periodo in carcere e sottoposto in regime di Sorveglianza Speciale, lo stesso però ha perseverato con le  medesime condotte: recentemente è fuggito a bordo di  un ciclomotore durante l’ennesimo tentativo nei confronti di un’automobilista – tentativo non andato a buon fine poiché seguito dagli agenti in borghese.

La tecnica utilizzata per la truffa dello specchietto

La tecnica utilizzata, era sempre la stessa: l’autore simulava di “essere stato colpito  a piedi sul ciglio della strada o a bordo di autovettura/motociclo in transito”, da qui la successiva richiesta di soldi sotto minaccia alla vittima prescelta, e l’affermazione da parte dello stesso di appartenere ad un noto “clan”. In altri casi invece il 35enne asseriva di “essere il padre di un pugile campione del mondo, minacciando di “spaccare la faccia alle povere vittime” fino a costringerle a recarsi presso il più vicino bancomat per prelevare i soldi.

Dall’attività investigativa i poliziotti hanno potuto delineare la pressoché univoca descrizione del responsabile: un uomo alto tra 1,70 e 1,80 metri , carnagione olivastra,  fra i 30 e 40 anni. L’uomo metteva a segno le proprie condotte seriali nelle zone limitrofe alla propria abitazione dove era sottoposto inizialmente agli arresti domiciliari e poi alla Sorveglianza Speciale.

Segui la cronaca di roma anche su FB

Mistero a Colli Aniene

Redazione
Siamo la redazione. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

ULTIME NOTIZIE

LEGGI ANCHE