Elezioni 2022, Giorgia Meloni a Fox News: “Prima donna premier? Un onore” (VIDEO)

Giorgia Meloni a Fox News: le parole della leader di FdI in vista della tornata del prossimo 25 settembre

giorgia meloni a fox news

Giorgia Meloni a Fox News. Ai microfoni di ‘Mornings with Maria’, la presidente di FdI ha detto la sua su una possibile vittoria del suo partito alle elezioni: “Le proiezioni ci indicano come primi della coalizione di centrodestra. Nelle regole che ci siamo dati, il partito che vince può esprimere il premier. Vedremo cosa succederà, ma potrei davvero essere la prima donna a guidare questo paese. E per me sarebbe un grande onore“. Ma anche un compito molto gravoso: “La prossima – ha aggiunto – sarà una stagione difficile. Quindi durante questa campagna elettorale dovremo dire la verità agli italiani sulla situazione e su ciò che possiamo fare. Non possiamo promettere cose che non potremo fare”.

GIORGIA MELONI A FOX NEWS: LA POSIZIONE SULL’UCRAINA

Su come l’Italia si collocherà a livello internazionale, Giorgia Meloni a Fox News non ha dubbi: “Il paese manterrà una posizione che le permetterà di difendere il proprio interesse nazionale“. Una linea che, sottolinea, FdI ha sempre tenuto dritta, anche nelle questioni più aspre: “Anche dall’opposizione, abbiamo aiutato il governo a fare quello che doveva. A partire dal sostegno all’Ucraina, in un conflitto che è l’apice di un processo di revisione dell’ordine mondiale. Se l’Occidente perde – avverte – a vincere sono la Russia di Putin e la Cina di Xi. E, tra gli occidentali, saranno gli europei a pagarne le conseguenze maggiori“.

giorgia meloni a fox news

GIORGIA MELONI A FOX NEWS: PRESIDENZIALISMO, ECONOMIA E MIGRANTI

Politica estera quindi, ma anche interna nel colloquio. Dai possibili cambiamenti nella struttura dello stato: “Serve riformare seriamente le nostre istituzioni. In particolare, restiamo convinti di una riforma in senso presidenziale“. Alle tematiche economiche: “Dobbiamo mettere le persone in condizione di lavorare e produrre ricchezza. Allo stesso modo, dobbiamo far sì che le aziende non vengano continuamente massacrate e tartassate dallo Stato“. Per concludere con una proposta sulla questione migranti: “Dobbiamo concordare con la Libia lo stop alle partenze, l’apertura in Africa di hotspot e la valutazione in loco di chi è rifugiato e chi immigrato irregolare“.

GUARDA QUI L’INTERVISTA INTEGRALE