Seguici sui Social

Coronavirus

CORONAVIRUS LAZIO Bollettino del 23 Giugno

Pubblicato

in

coronavirus regione lazio bollettino


CORONAVIRUS Al termine della quotidiana videoconferenza sull’emergenza Covid-19, questo il bollettino del 23 Giugno comunicato dalla Regione Lazio.

CORONAVIRUS LAZIO Bollettino 23 Giugno. Conclusa la videoconferenza della task force regionale sull’emergenza, la Regione Lazio ha diramato il bollettino giornaliero. Nella Regione si contano 8 nuovi positivi. 3 dei nuovi casi, secondo i dati diffusi da Salute Lazio, si riferiscono ancora ad una coda del cluster all’Istituto San Raffaele Pisana. Uno all’Istituto Teresianum. 2 i decessi registrati nelle ultime 24 ore, mentre continuano ad aumentare i guariti: sono 65 per un totale di 6.315.

IL COMMENTO DELL’ASSESSORE D’AMATO

“Oggi registriamo un dato di 8 casi positivi e due decessi. Si conferma trend in calo nelle province che registrano zero casi. Voglio lanciare un appello affinché vengano sempre rispettate le misure di prevenzione per evitare la ripresa dei contagi. Continua a calare il numero delle terapie intensive occupate che sono 16 in totale: -7 rispetto a ieri. Proseguono le attività per i test sierologici sugli operatori sanitari e le Forze dell’ordine. Crescono i guariti che nelle ultime 24h sono stati 65 raggiungendo un totale complessivo di 6.315“.

LA DINAMICA DEI NUOVI CASI

Tre dei casi odierni sono riferiti ad una coda del focolaio del San Raffaele Pisana in un cluster famigliare, al di fuori dunque della struttura, che ha riguardato un infermiere posto in isolamento domiciliare. Ad oggi effettuati oltre 5 mila test per il controllo del focolaio del San Raffaele che raggiunge un dato complessivo di 122 casi positivi. Sono stati effettuati i secondi tamponi presso lo stabile di piazza Pecile (Garbatella) sono tutti negativi il cluster è chiuso. Un caso odierno è riferito all’Istituto religioso Teresianum a ed è stato posto in sorveglianza sanitaria”.

Pubblicità

Coronavirus

Coronavirus, focolaio a casa di Rocco Siffredi

Pubblicato

in

Di

Siffredi coronavirus


L’attore e tutta la sua famiglia postivi al virus: “Colpa dei test veloci della farmacia

Il Covid continua a colpire anche nel modo dello spettacolo. Oggi è il turno di Rocco Siffredi, il celebre attore del mondo porno che ha rivelato di essere positivo al virus, e con lui tutta la sua famiglia.
Io e mia moglie abbiamo il Covid e, per colpa dei test veloci comprati in farmacia in Italia, abbiamo contagiato anche i nostri figli“, ha rivelato l’attore, che vive a Budapest. “Al ritorno da , ha proseguito, abbiamo iniziato a sentirci male ma, dopo ben due test negativi, ci siamo tranquillizzati e abbiamo riabbracciato i nostri due figli. Risultato? Tutti infetti e con sintomi, anche la fidanzata di mio figlio maggiore oltre alla domestica e a suo marito che hanno più di 70 anni. Non mi perdonerei mai di aver fatto loro del male“, ha concluso Siffredi.

Continua a leggere

ARTICOLI PIU'LETTI DELLA SETTIMANA