Romagnoli alla Lazio, è fatta: i dettagli su contratto e ingaggio

Romagnoli alla Lazio, Lotito sblocca l'impasse nella trattativa e realizza il sogno del difensore, tifoso biancoceleste

romagnoli alla lazio fatta
Ultimo aggiornamento:

Romagnoli alla Lazio, ora si può dirlo. Lotito, incalzato in merito in quel di Auronzo, ha provato a sviare. “Non è ancora fatta, serve prima un’uscita (Acerbi ndr)”, le parole riportate da Il Messaggero. Tattica o forse prudenza, visto che all’appello manca ancora la firma del giocatore. Sul cui arrivo alla corte di Maurizio Sarri però dubbi ormai non ce ne sono più. Il 28enne di Anzio vestirà la maglia biancoceleste numero 13, che tornerà sulle spalle di un romano (e laziale) a 20 anni esatti dall’addio di Alessandro Nesta. L’intesa tra le parti è già stata raggiunta, ad inizio settimana, forse già lunedì, ci sarà l’ufficializzazione.

ROMAGNOLI ALLA LAZIO, IL TRIONFO DI LOTITO

Lotito risponde così alle contestazioni dell’ambiente (e non solo) con un colpo da maestro, il secondo dell’estate dopo il rinnovo di Sarri. Vuole rilanciare la Lazio, dopo un primo anno con l’allenatore toscano così così, scendendo in prima persona sul campo delle trattative. Le questioni di bilancio lo hanno frenato a lungo, per la ‘gioia’ psicologica del mister. Che ora vedendo il suo presidente riprendere la marcia e mettersi a correre, però può gongolare. Insieme ai tifosi, che avevano invocato Romagnoli alla Lazio con uno striscione allo Zandegiacomo.

ROMAGNOLI ALLA LAZIO, I DETTAGLI DELL’INTESA

E che appena saputa la notizia, hanno esternato la loro gioia irrefrenabile tra le strade della località dolomitica e poi sui social. Il difensore, come riporta ‘Laziochannel.it‘ aveva appena detto sì a un contratto di cinque anni da 3,4 milioni l’uno, tra parte fissa e bonus. Questi ultimi, 17 in tutto, sono stati leggermente ‘addolciti’ rispetto a quelli proposti in un primo momento. Risolta anche la questione delle commissioni per gli agenti: decisiva in tal senso una telefonata tra Lotito e l’avvocato Rafaela Pimenta, erede dell’impero di Mino Raiola.