Omicidio Pamela – Tutela speciale per i legali di Oseghale

Omicidio Pamela tutela delle forze dell’ordine per i legali di Oseghale in Corte d’Assise nel processo di domani a Macerata.

Sarà tutelato dalla presenza e verosimilmente dall’accompagnamento delle forze dell’ordine, domani, l’ingresso al Tribunale di Macerata dei legali di Innocent Oseghale. Domani si svolgerà la prima udienza del processo in Corte d’assise per l’omicidio Pamela Mastropietro, la 18enne romana avvenuto il 30 gennaio 2018. E’ una misura disposta per motivi di sicurezza. Prima dell’udienza preliminare, il 26 novembre scorso, i difensori del pusher nigeriano, accusato di aver stuprato, ucciso e smembrato la giovane, erano stati insultati e presi a sputi da manifestanti davanti al Palazzo di Giustizia. La struttura giudiziaria sara’ presidiata da polizia e carabinieri.

La difesa di Oseghale è orientata a non chiedere riti alternativi come il giudizio abbreviato o condizionato né in forma semplice. Secondo l’accusa, il 30enne avrebbe violentato Pamela, arrivata a Macerata dopo essersi allontanata dalla Comunità Pars di Corridonia, approfittando del suo stato di stordimento per l’assunzione di eroina, l’avrebbe uccisa con due coltellate per poi fare a pezzi il corpo e abbandonarlo dentro due trolley a Pollenza. Oseghale, ora detenuto a Forli’, ha ammesso di aver fatto a pezzi il cadavere, ma nega di aver ucciso la 18enne, sostenendo che la giovane sarebbe morta a causa di un’overdose.

SEGUICI SU TWITTER

LA SICUREZZA A ROMA SPIEGATA DALLA SINDACA RAGGI

Ti potrebbe interessare