ROMA Anche il Gemelli a sostegno dell’ItalRugby: l’iniziativa

ROMA Anche il Gemelli a sostegno dell’ItalRugby: l’iniziativa.

ROMA Anche il Gemelli a sostegno dell’ItalRugby. Sabato 9 febbraio sette piccoli pazienti dell’Unita’ Operativa di Oncologia Pediatrica della Fondazione del Policlinico Universitario romano, insieme ai genitori e ai medici dell’ospedale, assisteranno a bordo campo accanto ai loro beniamini all’importante match del Sei Nazioni contro il Galles allo Stadio Olimpico. Un segno della particolare amicizia tra i giovani pazienti del Gemelli, anch’essi impegnati in una delicata partita contro il tumore, e i nazionali della Fir, che piu’ volte hanno visitato i Reparti Pediatrici del Policlinico, in particolare Oncologia Pediatrica e Neurochirurgia Infantile, dimostrando solidarieta’ e vicinanza nei confronti dei piccoli degenti. Ad accompagnare la baby delegazione Giorgio Meneschincheri, direttore medico Relazioni esterne della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli, Antonio Ruggiero, professore associato di Clinica Pediatrica all’Universita’ Cattolica e responsabile dell’Oncologia Pediatrica del Policlinico Gemelli, e Antonella Guido, psico-oncologa dell’Unita’ Operativa di Oncologia Pediatrica, oltre ad alcuni operatori sanitari del Gemelli. Prosegue inoltre la collaborazione tra la Federazione Italiana Rugby e la Fondazione Policlinico Universitario Gemelli Irccs nella gestione di tutte le attivita’ mediche di emergenza sanitaria e di pronto soccorso a favore di pubblico, atleti, accompagnatori e personale in servizio. Durante il match, infatti, a bordo campo, per fornire supporto medico, sarà presente un team di medici e operatori sanitari del Gemelli, specializzato nella gestione delle emergenze e urgenze e coordinati dal professor Massimo Antonelli, ordinario di anestesiologia e rianimazione all’Universita’ Cattolica e direttore di anestesia, rianimazione, terapia intensiva e tossicologia clinica della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli.

LEGGI ANCHE L’ULTIMA INIZIATIVA DELLA CARITAS

Ti potrebbe interessare