Via Merulana, Luminarie pericolanti: strada chiusa e traffico impazzito

Quer pasticciaccio brutto de via Merulana, è proprio il caso di dirlo. Il titolo del romanzo di Gadda ben si adatta alla vicenda che ha visto protagoniste le luminarie natalizie. Presenti da dicembre lungo praticamente tutta la strada, finalmente ieri il Comune ha provveduto a rimuoverle. Le operazioni sono partite, di buon mattino, intorno alle 7.30. Per facilitarle, l’Amministrazione del I Municipio ha disposto la chiusura, per l’intera giornata, del tratto che congiunge via Labicana con Piazza Santa Maria Maggiore. Il che non è stata certo una buona notizia per il traffico diretto a Roma centro.

VIA MERULANA, SITUAZIONE A RISCHIO

Purtroppo però dell’intervento, affidato ad una ditta specializzata, ormai non si poteva fare più a meno: il passare dei mesi aveva infatti accentuato la pericolosità delle luci. Che, tra l’altro, presentavano uno dei cavi di alimentazione danneggiato a causa del passaggio, qualche giorno fa, di un camion. Una situazione duramente fortemente a rischio, come segnalato a più riprese dai residenti. La manutenzione e la sistemazione avrebbe dovuto svolgersi in base ad un’intesa tra la ditta incaricata e i commercianti della via.

VIA MERULANA, CITTADINI FURIOSI

Qualcosa è però andato storto, costringendo il Municipio a metterci una pezza. Con modi e tempi che però hanno suscitato critiche feroci da parte dei cittadini. Tra gli aspetti più controversi, l’inizio dei lavori di lunedì, in orario di punta (poi spostato, fanno notare alcuni, in tarda mattinata). Ma nel mirino c’è stata anche la chiusura quasi totale della strada. Che avrebbe invece potuto essere effettuata solo dove bisognava rimuovere e per il tempo necessario. Ma alla fine nulla ha impedito che, a via Merulana, si verificasse un pasticciaccio veramente brutto.

Fabio Villani
Laureato alla Specialistica in Filologia Greca e Latina. Esordisco nel giornalismo durante un tirocinio universitario. Tra le mie passioni, calcio, cinema e musica

ULTIME NOTIZIE

LEGGI ANCHE