Seguici sui Social
PUBBLICITA


Cronaca

ROMA Il garante per le carceri conferma i sussidi per i lavori utili

Avatar

Pubblicato

il

PUBBLICITA


ROMA Il garante per le carceri conferma i sussidi per i lavori utili.

Il garante per le carceri conferma i sussidi. Gabriella , garante dei diritti dei detenuti di Roma, annuncia sul proprio profilo Facebook: “Prevista l’attivazione di 150 sussidi per Rebibbia Nuovo Complesso, 50 per Rebibbia Penale e 20 per Rebibbia Femminile. Importante conclusione del lavoro avviato in questi mesi in accordo con il Dap e con Cassa Ammende. Verrà erogato ai detenuti impegnati nei lavori di pubblica utilità un sussidio per l’attività da loro svolta in forma volontaria, così come previsto dalla legge. Il sussidio verrà erogato direttamente all’istituto penitenziario di provenienza e finalizzato alle esigenze dei detenuti stessi. Il provvedimento è stato confermato dal presidente Cassa Ammende Gherardo Colombo e dal presidente del Dap Francesco Basentini. Ottima cosa”. A Roma sono diversi i progetti che vedranno coinvolti i detenuti nella cura del verde e delle strade.

LASCIA UN ‘LIKE’ ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

ROMA – ARRESTATO BIDELLO PER ATTI SESSUALI A SCUOLA 

DIVENTA UN NOSTRO FOLLOWER ANCHE SU TWITTER

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca

ROMA – Si rifiuta di dar loro del denaro: zio aggredito violentemente dai nipoti

Avatar

Pubblicato

il



ROMA – Un uomo è stato aggredito dai propri nipoti dopo essersi rifiutato di dar loro 400 euro

I fatti si sono consumati nel tardo pomeriggio di ieri nei pressi di via Principe Umberto, nel quartiere Esquilino: dopo aver tentato di rubargli 400 euro due giovani hanno aggredito, insieme ad altre due persone, lo zio che si era rifiutato di prestarsi all’estorsione. Giunti sul posto, gli agenti di polizia del commissariato Viminale e Trastevere hanno trovato l’uomo per terra, sul marciapiede, che ha riferito di essere stato aggredito da quattro soggetti, tra cui i suoi due nipoti. Lo zio è stato colpito all’addome e in altre parti del corpo con calci e pugni, e alla testa con il manico di un coltello da cucina. Gli agenti si sono dunque recati presso l’abitazione dei nipoti (rifugiatisi in casa dopo l’aggressione), dove hanno rinvenuto il coltello descritto dalla vittima, medicata dal personale del 118. I due sono stati condotti in commissariato e tratti in arresto per rapina aggravata in concorso e lesioni personali. Sono stati messi a disposizione dell’Autorità Giudiziaria per l’udienza di convalida. Allo stato attuale, sono in corso gli accertamenti per risalire all’identità dei due complici.

Continua a leggere

ARTICOLI PIU'LETTI DELLA SETTIMANA