Usa – Il Baseball non è uno sport per neri.

Usa – Il Baseball non è sport per neri, crollo degli afroamericani nei college

Il baseball sta diventando sempre meno popolare fra gli studenti afroamericani, anche nei college che appartengono alla HBCU, la lega delle università rivolte alla popolazione di colore. Il baseball è stato superato dal football e dal basket.
Infatti quest’anno nelle formazioni studentesche, meno dell’otto per cento dei giocatori era di origine afroamericana. Ben undici punti in meno rispetto al 1981.
I motivi sono diversi: dall’impoverimento dei programmi per attirare i giovani verso questo sport nelle zone dove le comunità di colore sono più numerose ai costi. Infatti una buona mazza da baseball costa anche più di trecento dollari, partecipare alle trasferte può pesare per migliaia di dollari all’anno sul bilancio di una famiglia.

Come spiega Billy Hawkins (professore all’università di Houston ed esperto di legami fra sport e differenze razziali) “A differenza di basket e football, il baseball non ha fatto dell’essere nero un elemento culturale. Le culture dominanti sono quella bianca e quella ispanica”. La Bethun-Cookman University di Daytona in Florida, uno dei college storicamente frequentato da studenti di colore (ancora oggi rappresentano il 79 per cento degli iscritti), ha solo quattro giocatori afroamericani nella squadra di baseball: gli altri sono latinoamericani e giamaicani, oltre a 14 bianchi. E questo nonostante il college abbia un’eredita’ significativa: la squadra gioca al Jackie Robinson Ballpark, il campo dedicato al primo giocatore afroamericano nella storia del baseball, che gioco’ anche su questo terreno con la maglia dei Brooklyn Dodgers e divento’ un’icona del movimento per i diritti civili. Questa la sua spiegazione rilasciata al New York Times.

Ti potrebbe interessare