Crisi di governo Salvini replica a Giuseppe Conte

Crisi di governo Salvini, concluso l’intervento di Giuseppe Conte, ha replicato alle parole del Premier relative alla propria decisione di rassegnare le dimissioni

Crisi di governo Salvini: “Rifarei tutto ciò che ho fatto, con la consapevolezza di essere un uomo libero. Non temo il giudizio degli italiani. Chi ne ha paura non è un uomo libero. Pericoloso, autoritario, preoccupante, inefficace, incosciente. Così sono stato definito da Giuseppe Conte, e mi spiace che abbia dovuto sopportarmi per un anno. La critica più surreale che mi è stata mossa è il non scatenare la crisi d’agosto. I parlamentari lavorano anche ad agosto. Io dopo questo anno di governo ho un’Italia più sicura. Se qualcuno voleva ingoiarsi il Pd non aveva che da dirlo. Se qualcuno da settimane, se non da mesi, pensava a un cambio di alleanza, non aveva che da dirlo. Noi non abbiamo paura. 

Gli italiani non votano in base a un rosario, ma con la testa e con il cuore” dice Salvini baciando il crocifisso. “La protezione del cuore immacolato di Maria per l’Italia la chiedo finché campo, non me ne vergogno, anzi sono ultimo e umile testimone. Omnia vincit amor, l’amore vince sempre. Avete scelto il bersaglio, eccomi pronto a sacrificarmi, non c’è problema. Il mio paese vale più di mille poltrone, non ho paura e non hanno paura gli uomini e le donne della Lega”

Ti potrebbe interessare