Faceva vivere un incubo alla madre e al fratello: allontanato da casa

Arrestati i colpevoli dell'agguato alla piccola Noemi

Faceva vivere un incubo ai propri familiari che spesso si recavano alla Polizia per denunciare l’uomo

Faceva vivere un incubo ai famigliari – Un uomo è stato allontanato dalla propria abitazione e famiglia perché non li faceva vivere in modo sereno, rovinandogli la vita. Così la Polizia di Stato a eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare nei suoi confronti allontanandolo dalla casa familiare con divieto di avvicinamento ai luoghi da loro frequentati. Ci ha pensato l’Autorità Giudiziaria a emettere questa sentenza, dopo le svariate denunce arrivate dai famigliari alle forze dell’ordine dell’ultimo anno.

In più di una circostanza infatti, sia la madre che il fratello del quarantenne avevano chiamato il NUE per chiedere aiuto quando questi, in preda ai fumi dell’alcool, li aveva minacciati di morte arrivando ad alzare le mani. Ad Aprile, durante una colluttazione con il fratello, l’uomo gli aveva rotto un dente e, qualche tempo dopo, lo aveva preso a morsi sull’avambraccio; ad Agosto, all’arrivo delle forze dell’ordine chiamate dalla madre all’ennesima minaccia di morte nei confronti del fratello, si era rivoltato anche contro queste. Esaminati tutti gli atti, l’Autorità Giudiziaria ha emesso la misura cautelare eseguita dagli agenti del commissariato Celio.

SEGUICI SU FACEBOOK

TOLTA LA SCORTA AL CAPITANO ULTIMO

Ti potrebbe interessare