ROMA Tre arresti per corruzione e abuso d’ufficio

L'amante gli costa cara

ROMA Tre arresti per corruzione e abuso d’ufficio.

ROMA Tre arresti per corruzione e abuso d’ufficio. Le tre persone, responsabili di un giro di corruzione, sono state poste dai Carabinieri ai domiciliari. I militari hanno così eseguito un’ordinanza emessa dal gip del Tribunale della Capitale su richiesta della locale Procura della Repubblica. 

A far scattare le indagini la denuncia di un imprenditore, al quale sarebbe stata prospettata la possibilità di attenuare la sua posizione in un’indagine che lo vedeva coinvolto. In ‘cambio’, avrebbe dovuto affidare ad un professionista indicato la gestione di un settore amministrativo della sua società. Un ricatto al quale l’uomo non si è però piegato, decidendo invece di denunciare il tutto alla Procura.

Al momento sono in corso perquisizioni nei domicili e luoghi di lavoro degli indagati. Le accuse per i tre arrestati, a vario titolo, sono tentata induzione indebita a dare o promettere utilità, corruzione, rivelazione ed utilizzazione di segreti di ufficio e tentata violenza privata. 

INTANTO UN ARRESTO A FORMELLO PER RICETTAZIONE E RESISTENZA