Seguici sui Social
PUBBLICITA


Coronavirus

CORONAVIRUS LAZIO Circa 2/3 casi di rientro

Avatar

Pubblicato

il

coronavirus Lazio
PUBBLICITA


La Regione ha diramato il consueto bollettino relativo alla diffusione del Coronavirus nel Lazio.

Oggi nel Lazio si registrano 152 casi e 1 decesso. Di questi, 102 sono nella città di Roma. Questo il commento dell’Assessore alla Sanità D’Amato: Si conferma una prevalenza dei casi di rientro (circa 2/3) ed in particolar modo con link dalla Sardegna (46%). E’ record dei test eseguiti oltre 13 mila tra tamponi e test rapidi. Il grande lavoro di testing e di tracciamento che si sta facendo in questi giorni sarà fondamentale per una ripresa in sicurezza. Quello che amareggia i nostri operatori, che torno a ringraziare, è che molto poteva essere evitato attraverso comportamenti responsabili e controlli. Se la Sardegna non accetta la reciprocità, considerata dai tecnici l’elemento migliore per un’azione di prevenzione, noi comunque siamo pronti ad andare avanti perché l’interesse della salute pubblica viene prima di ogni altra cosa. Ad oggi sono circa 600 i casi che abbiamo rilevato con link provenienti dall’isola.

CORONAVIRUS LAZIO I dettagli: Nella Asl Roma 1 sono 37 i casi nelle ultime 24h e di questi ventinove sono di rientro, venticinque con link dalla Sardegna, uno dalla Puglia, uno dalla Toscana, uno dalla Campania e uno dall’Emilia-Romagna. Quattro i casi appartengono ad un cluster familiare con l’indagine epidemiologica in corso e tre casi sono contatti di casi noti e isolati. Nella Asl Roma 2 sono 40 i casi nelle ultime 24h e tra questi dodici sono di rientro, sei con link dalla Sardegna, quattro dalla Spagna, uno dalla Romania e uno dalla Toscana. Due sono contatti di casi già noti e isolati e otto sono casi già in isolamento. Nella Asl Roma 3 sono 25 i casi nelle ultime 24h e tra questi ventuno sono casi di rientro, diciassette con link dalla Sardegna, uno dalla Toscana, uno dalla Grecia e due dalla Sicilia. Due i casi che hanno link con il cluster della festa in spiaggia a ferragosto ad Ostia ed un caso individuato in fase di pre-ospedalizzazione. Nella Asl Roma 4 sono 5 i casi nelle ultime 24h e tra questi tre casi con link dalla Sardegna e due contatti di casi già noti e isolati. Nella Asl Roma 5 sono 8 i casi nelle ultime 24h e si tratta di un caso con link dalla Sardegna e uno dalla Grecia. Due sono i contatti di casi già noti e isolati e quattro i casi con in corso l’indagine epidemiologica. Nella Asl Roma 6 sono 10 i casi nelle ultime 24h e tra questi otto con link dalla Sardegna.

La situazione nelle province: Nelle province si registrano 27 casi e 0 decessi nelle ultime 24h. Nella Asl di Latina sono 5 i casi e si tratta di due casi con link dalla Sardegna e un caso con link dalla Lombardia. Nella Asl di Frosinone si registrano 11 casi e di questi uno con link dalla Sardegna e sei dalla Puglia. Nella Asl di Viterbo sono 4 i casi e sono tre casi con link dalla Sardegna e uno da Malta. Nella Asl di Rieti sono 7 i casi e sono cinque i casi con link dalla Sardegna

SEGUICI SU TWITTER

Continua a leggere
Pubblicità

Coronavirus

“Festeggiamo il Capodanno spostando le lancette dell’orologio avanti come in Fantozzi”

Avatar

Pubblicato

il

Di

Meloni


L’Onorevole Giorgia Meloni ironizza sulla proposta di anticipare la messa di Natale: “Governo sempre più imbarazzante”!

L’orario della tradizionale messa di Natale rischia quest’anno di subire variazioni. Complice il coprifuoco e le regole anti assembramento, anche la celebrazione di mezzanotte è diventato uno dei temi caldi relativi alle imminenti festività. L’affermazione più controversa è stata senza dubbio quella di Francesco Boccia; le sue parole infatti hanno suscitato molte polemiche sui social e non solo. Il ministro degli Affari Regionali ha affermato che non sarà un dramma se Gesù Bambino nascerà prima di mezzanotte, quest’anno. Immediate le reazioni, anche dal mondo della politica. L’Onorevole Giorgia Meloni ad esempio, ha prontamente twittato una risposta sarcastica alla proposta di Boccia. “Fare nascere Gesù Bambino due ore prima non è un’eresia” (Ministro Boccia). Già che ci siamo perché non festeggiare Capodanno spostando le lancette dell’orologio avanti come in un film di Fantozzi? Governo sempre più imbarazzante!”, concludeva il suo messaggio.

Continua a leggere

ARTICOLI PIU'LETTI DELLA SETTIMANA