Seguici sui Social

Cinema

RECENSIONE FILM Basic Instinct a cura di Tommaso Bucciarelli

Pubblicato

in

RECENSIONE FILM Basic Instinct


La rubrica dedicata al cinema, questa settimana propone la recensione del film Basic Instinct a cura di Tommaso Bucciarelli

RECENSIONE FILM Basic Instinct – Siamo la società del tutto e subito, quelli delle lunghe chattate con persone mai viste che poi svaniscono, e questo istinto di base si è formato col tempo e non è naturale, ma è un Basic Instinct.

Basic Instinct è un thriller erotico prodotto da America, Francia ed Inghilterra nel 1992, della durata di 128 minuti, sotto la regia di Paul Verhoeven su soggetto di Joe Eszterhas, con il protagonista Michael Douglas (Nick Curran), Sharon Stone (Catherine Tramell) e Jeanne Tripplehorn (Beth Garner).

Nel primo week end, nelle sale americane incassò 15 milioni di dollari divenendo il film che fino a quel momento aveva avuto più spettatori all’esordio.

Sei in un ambiente ricco, nella camera da letto che ha uno specchio sul soffitto e dal quale vedi due persone che stanno compiendo un atto sessuale, nudi. Lei, una bionda della quale non si vede il viso, ad un certo punto si mette sopra di lui, prende un telo bianco e gli lega i polsi al letto, poi continuando a muoversi, ed al momento dell’orgasmo pugnala l’uomo diverse volte con un rompighiaccio.

Il detective Nick arriva sulla scena del crimine e, incontrando il collega ed amico Gus, vede la grande quantità di poliziotti che stanno lavorando al caso, molti dei quali sono intorno al corpo nudo ed esamime di una ex star del rock, e gli fanno vedere il rompighiaccio con il quale il defunto è stato ucciso.

Nick e Gas si recano nella villa di quella che è giudicata la ragazza che frequentava, Catherine, e ad accoglierli compare la bella Roxy, che li indirizza là dove Catherine si trova.

Raggiungono la ragazza, bionda, che risulta all’insaputa del fatto, e alle domande che le vengon fatte, partendo da quella se lo frequentava, correggendo Non lo frequentavo, lo scopavo, poi afferma che quella notte era stata in sua compagnia fino alla mezzanotte, poi era tornata nella sua casa, da sola, senza testimoni, e li invita ad uscire.

Nick passa dalla psicologa degli affari interni Beth, con la quel deve parlare perché in passato aveva accidentalmente sparato a due turisti cocainomani uccidendoli, e nei loro dialoghi lei gli chiede come vanno le pratiche sessuali, lui le risponde che senza di lei utilizza parecchio la mano, e quando Nick sta per uscire, Beth gli dice che le manca, sempre.

Si ritrovano tutte le forze dell’ordine interessate al caso per parlarne, e viene fuori che Catherine non ha precedenti, è stata promossa con 110 e lode, i genitori sono morti in un incidente aereo lasciandole 110 milioni di dollari, ha due lauree, una delle quali in psicologia, e fa la scrittrice. Nel suo ultimo libro racconta di una ex star del rock uccisa dalla ragazza che frequentava utilizzando il rompighiaccio mentre stavano facendo l’amore.

Ero giovanissimo, per non dire piccolo, e ricordo l’entusiasmo di chi lo vide al cinema e rimase colpito dalle scene di sesso e violenza in quegli atti che all’epoca erano ancora poco utilizzati nei film, e quando lo vidi in TV un paio d’anni dopo, devo ammettere che rimasi affascinato dalla sensualissima Sharon e dalla elegantemente eccitante Jeanne.

Controversie ce ne furono, legate e alle scene di sesso che sfiorano lontanamente il porno, e alle violenze agli atti collegate, l’uso costante delle sigarette nominate spesso, sennonché alle proteste dei movimenti gay per i quali i personaggi bisessuali e omosessuali sono dipinti come, forse non totalmente, ma perlomeno in parte negativi.

La scena che probabilmente hai visto diverse volte, è quella del famosissimo accavallamento di gambe che effettua Catherine dinnanzi ai poliziotti, ove è visibile la mancanza di intimo e la nudità della stessa; cosa che quando fu notata così chiara, fece arrabbiare Sharon, poiché non sapeva che sarebbe stato così evidente.

Per quello che posso scriverti riguardo alla mia nuova visione dell’opera, bisogna che ti garantisca l’ottima interpretazione dei tre che nomino, e il farti presente che fu uno, forse il primo, dei film che lanciò certi tipi di scene e la visione della bisessualità femminile che ad oggi è un must.

Pubblicità

Cinema

Il film su Totti rimane ancora al cinema: accolto l’appello dell’UECI

Pubblicato

in

Di



Mi chiamo Francesco Totti resta al cinema: è stato accolto l’appello dell’UECI.

Una bella notizia per i fan di Francesco Totti: Dopo il grande successo dei primi tre giorni al Cinema continua e prosegue la sua programmazione anche per i prossimi giorni Mi chiamo Francesco Totti. Accolto dalla Direzione Generale Cinema l’appello di Ueci al Ministro. Prosegue la programmazione di Mi chiamo Francesco Totti, la Ueci ringrazia la Vision e il suo amministratore Nicola Maccanico per la sensibilità e solidarietà mostrata verso l’esercizio Cinematografico in questo delicato momento. A riferirlo in una nota l’Unione degli Esercenti Cinematografici Italiani. Proprio ieri, infatti, l’UECI si era rivolta al ministro Franceschini chiedendo che il film fosse tenuto nelle sale per qualche giorno in più, dal momento che le prevendite erano andate molto bene, ed oggi ha finalmente ottenuto quanto richiesto.

SEGUICI SU TWITTER

Continua a leggere

ARTICOLI PIU'LETTI DELLA SETTIMANA