fbpx
Seguici sui Social


Coronavirus

Roma, ristoratori protestano davanti al Pantheon: “Siamo a terra”

Avatar

Pubblicato

il

Dpcm ristoratori
PUBBLICITA


Tovaglie apparecchiate a terra davanti al Pantheon: il sit in  di protesta dei ristoratori  contro il nuovo Dpcm

Siamo a terra“. In questa frase è riassunto tutto il dramma della categoria dei risotoari, che include chef, cuochi, camerieri. Si sono riuniti stamane in Piazza del Pantheon, contro le restrizioni del nuovo dpcm. Il sit in di protesta è stato promosso dalla Fipe Confcommercio Roma. Hanno steso per terra delle tovaglie, per poi apparecchiarle.

Era presente il presidente di Fipe Confcommercio, Roma Sergio Paolantoni. “Le misure del governo, con la chiusura alle ore 18 è di fatto un lockdown, perchè impedisce a tutti i ristoranti romani, esercenti e caffetterie di poter lavorare dopo una certa ora. Noi siamo dei locali sicuri: siamo stati i primi a riaprire,  investendo nelle nostre aziende, sanificandole, formando il nostro personale, riprendendolo dalla cassa integrazione, assicurando loro un lavoro e un futuro per propri figli, ma poi invece questa interruzione degli orari ha di fatto impedito alla una categoria di lavorare nelle ore serali, quando c’è la parte maggiore del fatturato. Levata quella ha poco senso restare aperti. Infatti molti ristoranti, preoccupati per il futuro, hanno deciso di chiudere anche durante il giorno e preferiscono aspettare tempi migliori“, ha detto Paolantoni. “Un ristorante ha i tavoli distanziati, personale formato, mascherine, gel e sanificazione più volte al giorno: oggi è più sicuro andare in un ristorante. Ma il problema sono i mezzi pubblici, perchè se una persona va in ristorante con l’autobus o con la metro che non sono sanificati, oppure non ci sono posti a sufficienza per garantire il distanziamento, non è colpa del ristorante ma di come ci arrivi“, ha concluso.

L’intervento di Salvini alla manifestazione

E’ intervenuto alla manifestazione anche Matteo Salvini, accompagnato dai senatori William De Vecchis e Gian Marco Centinaio. Il leader della Lega ha ascoltato le rimostranze di alcuni dei partecipanti e ha poi fatto alcune dichiarazioni. Sotto accusa secondo lui la situazione dei trasporti a Roma e un mancato focus sulle reali urgenze che andavano affrontate per tempo. “Il governo ci ascolti. Penso che il governo abbia perso 6 mesi di tempo, stavano festeggiando la vittoria sul virus e purtroppo ora stanno ricominciando a chiudere tutto. Penso che se ci avessero ascoltato, se avessero potenziato il trasporto pubblico e gli ospedali, invece di perdere tre mesi dietro ai banchi con le rotelle della Azzolina e i monopattini elettrici della De Micheli, ha detto. Quindi, che ascoltino il Paese“, ha poi concluso Salvini.

Continua a leggere
Pubblicità

Coronavirus

COVID Bertolaso all’attacco: “Governo non è stato in grado di gestire seconda ondata”

Avatar

Pubblicato

il

Di



L’ex capo della Protezione Civile Guido Bertolaso commenta la situazione Covid in Italia all’indomani dell’ultimo Dpcm.

“Ecco fatto: segregati in casa per tutte le feste, anziani abbandonati, turismo demolito, nazioni confinanti strapiene di sciatori, decessi fra i più alti del mondo, e lo saranno ancora per settimane”, commenta Bertolaso in un post su Facebook. “Strillate per i morti negli USA? Il rapporto di popolazione fra noi e gli americani è di 5,5. I nostri 993 che abbiamo perso ieri fanno in proporzione 5.461 poco più del 50% degli USA!! Lo sapete quanti giorni di scuola hanno fatto i liceali della Campania dal 4 marzo scorso ad oggi? 14” e “Tutto questo perché il Governo non è stato in grado di gestire la seconda ondata che loro stessi avevano previsto”. Bertolaso prosegue dicendo: “Continuano a chiamarla EMERGENZA, a quasi un anno dall’inizio della pandemia. Chiamiamola con il giusto nome: INCOMPETENZA. I Covid hospital della Fiera di Milano e di Civitanova Marche sono pieni da settimane (purtroppo) ma erano inutili giusto? Il Presidente del Consiglio continua a fare conferenze a reti unificate senza contraddittorio, ignorando l’esistenza del Parlamento e omettendo di usare l’unica parola che dovrebbe pronunciare: SCUSATECI”, conclude.

SEGUICI SU FACEBOOK

ROMA Tassisti in protesta il 3 dicembre

Continua a leggere

ARTICOLI PIU'LETTI DELLA SETTIMANA