Seguici sui Social

Ciao, cosa stai cercando?

Cronaca Roma

Coronavirus


PUBBLICITA

Cerveteri, insegnante muore dopo vaccino Astrazeneca: aperta un’inchiesta

vaccino Astrazeneca

Il fratello: “Vogliamo capire perché una persona in buona salute sia potuta morire

Si chiamava Stefania Maccioni, aveva 51 anni e insegnava lettere alla scuola media Salvo D’acquisto di Cerveteri. Stefania è una degli insegnati morti in questi giorni per sospetta reazione avversa al vaccino AstraZeneca. Anche a lei infatti era stato inoculato un vaccino del lotto ABV5811, il primo a balzare agli onori della cronaca e ad essere ritirato. Lo stesso lotto somministrato al professore di musica morto a Biella. Vaccinata il 25 febbraio scorso a Santa Severa, ha cominciato ad accusare emicranie e dolori persistenti. Fino a quando è andata a riposare per cercare di riprendersi un pò, senza però più svegliarsi. La procura ha aperto un fascicolo sul caso, chiedendo la riesumazione della salma e un’autopsia per accertare le dinamiche della morte. Il fratello ha rilasciato queste dichiarazioni a Il Messaggero: “Dopo la somministrazione Stefania ha iniziato a sentirsi male e ad avere forti emicranie, fino a essere ricoverata in coma il 7 marzo al Gemelli dove è morta il 9 marzo“. Stefania, spiega il fratello, “è entrata in coma. Martedì è toccato a me dare il consenso per staccare la spina. I medici ci hanno detto che si è trattato di una trombosi venosa cerebrale massiva. L’insegnante si è vaccinata per puro senso del dovere e per l’amore che aveva verso i suoi alunni. “Ne discutemmo parecchio e so che lei si consultò anche con nostra cugina e altri familiari, in famiglia abbiamo molti medici. Lei era preoccupata perché il vaccino non era stato sperimentato abbastanza. Poi convenne che sarebbe stato comunque giusto farlo, come atto di responsabilità non tanto verso se stessa quanto verso i suoi alunni con cui era a contatto tutti i giorni“, conclude l’uomo.

Ti potrebbe interessare

Politica

La Raggi non si è ancora vaccinata e sul web spuntano i post no vax del marito. Piovono critiche dagli altri candidati

Attualità

In merito alla questione relativa al vaccino obbligatorio Letta, segretario del Partito Democratico, si è detto favorevole

TV

Claudio Amendola contro i NoVax. L'attore romano ha definito ignoranti quelle persone che si rifiutano di fare il vaccino

Coronavirus

Richiamo con Astrazeneca se no al mix: arrivato l'ok del Ministero della Salute

Pubblicità