Seguici sui Social

Ciao, cosa stai cercando?

Cronaca Roma

Coronavirus

Vaccino Johnson&Johnson nel Lazio il 19 aprile: “Andrà alle carceri”

vaccino-johnson&johnson

PUBBLICITA

Vaccino Johnson&Johnson nel Lazio il 19 aprile: “Andrà alle carceri”.

Vaccino Johnson&Johnson nel Lazio il 19 aprile. Ad annunciarlo l’Assessore alla Sanità D’Amato, nel corso della visita all’hub del San Giovanni di Roma. “Una prima consegna – ha spiegato – quantitativamente modesta. 18mila dosi, che andranno in prevalenza alle carceri, per il personale che vi lavora e i detenuti“. “Speriamo – ha aggiunto – dal prossimo mese di maggio di poter avere un ampliamento delle forniture“. Il motivo di questa precedenza alle carceri sta nel fatto che le stesse lo scorso marzo sono state inserite dal Ministero della Salute tra le categorie prioritarie. Anticipare i focolai, non inseguirli: questa la nuova linea del Dicastero in base alle indicazioni del Commissario Figliuolo. In precedenza infatti le vaccinazioni venivano eseguite solo se erano presenti dei cluster. Tra le destinazioni del siero nella nostra Regione anche le farmacie, all’inizio per la fascia d’età 55-60 anni. Secondo le autorità americane, non ci sono casi di trombosi legati al farmaco. Sulle segnalazioni in merito, l’Ema ha comunque avviato una revisione.

Ti potrebbe interessare

Coronavirus

Secondo D’Amato l’obiettivo più importante è raggiungere i giovani con la campagna vaccinazioni Regione Lazio e vaccini: obiettivo giovani. L’Assessore alla Sanità Alessio D’Amato,...

Coronavirus

“A breve l’immunità di gregge nel Lazio”: l’annuncio del Governatore Nicola Zingaretti. Così Zingaretti ai microfoni di ‘Agorà’: “L’immunità di gregge? Con l’arrivo dei...

Calcio

L’Assessore D’Amato lancia l’idea pensata pricipalmente per le fasce di età più giovani Regione Lazio, vaccino allo Stadio durante le partite degli Europei di...

Coronavirus

Indiani positivi arrivati a Fiumicino con certificati falsi: scoppia il caso. Indiani positivi arrivati a Fiumicino con certificati falsi. Un caso che rischia di...

Pubblicità