Seguici sui Social

Ciao, cosa stai cercando?

Cronaca Roma

I Municipio

TESTACCIO Famiglie disabili imprigionate in casa: la denuncia

Testaccio Famiglie disabili imprigionate in casa: una storia orribile nel cuore della Capitale.

invalido

PUBBLICITA

TESTACCIO Famiglie disabili imprigionate in casa. La denuncia della Lega Roma.

TESTACCIO Famiglie disabili imprigionate in casa. Quello delle difficoltà di chi non è normo dotato a far fronte alle esigenze della vita quotidiana è un problema comune a molte città italiane. E molto spesso è causato dall’assenza di adeguate infrastrutture, vuoi per mancanza di fondi, vuoi perchè chi dovrebbe occuparsi della loro installazione in realtà non se ne cura. La questione è particolarmente sentita nella Capitale, dove le situazioni limite non mancano. Proprio una di esse è stata segnalata da Fabrizio Santori e Monica Picca, dirigenti romani del Carroccio.

Teatro, raccontano, le case popolari di via Ginori. Proprio qui abiterebbero tre nuclei familiari, è proprio il caso di dirlo, in pianta stabile. Sì perchè a queste persone è letteralmente impedito di varcare la soglia, se non a proprio rischio e pericolo. Il motivo? Manca lo scivolo per i disabili. Le tre famiglie sono infatti costrette in sedia a rotelle e altri sussidi per la deambulazione. Uno scivolo “fisso o semovibile” sarebbe dunque l’ideale per permettere loro di uscire senza rischiare di cadere.

Per risolvere il problema, le famiglie hanno più volte sollecitato il Dipartimento Patrimonio e Politiche abitative di Roma Capitale. Le loro “richieste ufficiali” sono tuttavia cadute nel vuoto. Di procedere autonomamente neanche a parlarne: in questo caso infatti le stesse famiglie diventerebbero responsabili di “eventuali rischi per l’incolumità”. A questo punto, non resta dunque che attendere i “tempi biblici della burocrazia romana”.

Una situazione che, denunciano Picca e Santori, mostra come “sul tema delle barriere architettoniche Roma sia drammaticamente indietro rispetto ad altre città”. I due dirigenti si rivolgono dunque alla sindaca Raggi e al Dipartimento competente, chiedendo di “prendere in carico immediatamente” il caso in questione. L’amministrazione grillina è sempre molto attenta al tema della mobilità: per essa quindi “restituire libertà di movimento a queste famiglie” dovrebbe essere una priorità.

INTANTO MARA VENIER RICOVERATA A ROMA

Ti potrebbe interessare

Cronaca

ROMA Metro B, la Stazione Rebibbia inaccessibile ai disabili: la denuncia della Lega – VIDEO. ROMA Metro B, la situazione è catastrofica. Almeno a...

Coronavirus

TESTACCIO Festa di laurea in piazza in barba al Covid: 10 multati. TESTACCIO Festa di laurea in piazza in barba al Covid. E’ questo...

Cronaca

Le indagini dei Carabinieri hanno portato all’arresto di 11 persone Roma. Clan palermitani avevano scelto la nostra città per reinvestire denaro illecito in bar...

Primo Piano

Coronavirus Roma: nuove linee guida della Regione Lazio per le uscite dei bambini disabili. L’assessore alle Politiche sociali di Roma ha chiesto delucidazioni. L’assessore...

Pubblicità