Raul e Pippo, tragedia della solitudine a due passi da Porta Portese

Si chiamano Raul e Pippo i protagonisti dell'incredibile vicenda che ha sconvolto la zona del rione Trastevere

raul e pippo porta portese

La tragedia di Raul e Pippo si è consumata all’interno di un palazzo al civico 30 di via Giovanni da Castelbolognese. Quando i Vigili del Fuoco sono entrati nel loro appartamento, al secondo piano, si sono trovati davanti una scena tenerissima: i due anziani stesi sul letto, stretti come in un abbraccio. Secondo le prime ricostruzioni, avrebbero assunto quella posizione almeno due giorni prima. ‘Colpa’ del 72enne Raul, colto improvvisamente da una malattia che lo ha portato alla morte. Giuseppe (detto Pippo), 77 anni e suo compagno di vita, avrebbe dunque provato a dare l’allarme, ma avrebbe accusato anch’egli un malore.

RAUL E PIPPO, LA DINAMICA DELLA TRAGEDIA

L’uomo soffriva di problemi alle gambe e, da quando era iniziata la pandemia, non aveva più potuto uscire di casa. Anche quel giorno la poca fluidità nei movimenti, unita alla voce flebile, gli aveva impedito di chiedere aiuto adeguatamente. E così non gli era rimasto che stringersi all’amico privo di vita, prima di perdere anch’egli i sensi. I medici, accorsi, lo hanno trovato ancora vivo, ma con una grave crisi respiratoria in atto. Lo hanno così trasportato al San Camillo, dove si trova tuttora ricoverato.

RAUL E PIPPO, I SOCCORSI

Ad allertare i soccorsi un conoscente, che aveva provato invano a mettersi in contatto con i due anziani. Sul posto sono così arrivati i pompieri e un’ambulanza, oltre ai Carabinieri di Trastevere. I quali non hanno faticato a trovare testimonianze, visto che nello stabile i due li conoscevano tutti. Un pò di più per portare Giuseppe fuori dall’appartamento e condurlo in ospedale. Quanto invece a Raul, sarà l’autopsia, prevista per i prossimi giorni, a far luce sulle cause della morte.

SCANDALO FALSE CREMAZIONI AL CIMITERO FLAMINIO