Seguici sui Social

Attualità

Tor Vergata sede di Expo 2030, Roma presenta la candidatura

Pubblicato

il

Tor Vergata sede di Expo 2030, Roma presenta la candidatura

Tor Vergata sede di Expo 2030

Tor vergata sede di expo 2030? Nella giornata di oggi a Dubai, nel padiglione Italia di Expo 2020, è stata ufficialmente presentata la candidatura di Roma  in vista dell’esposizione in programma tra 8 anni. Nel corso dell’evento è stato svelato il sito dove Roma prevede di allestire l’Esposizione Universale: l’area di Tor Vergata, che rappresenta il distretto ideale per un ambizioso intervento di rigenerazione urbana, inclusione e innovazione. Alla presentazione hanno preso parte il sindaco della Capitale Roberto Gualtieri, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio e il ministro delle Infrastrutture Enrico Giovannini, questi ultimi collegati da remoto.

TOR VERGATA SEDE DI EXPO 2030, GUALTIERI RICORDA LE VITTIME DI GUERRA

Presenti fisicamente invece, oltre al primo cittadino, il presidente del comitato di candidatura Giampiero Massolo, il direttore generale del comitato Giuseppe Scognamiglio, il commissario generale per l’Italia a Expo 2020 Paolo Glisenti e l’architetto Carlo Ratti.

Nel corso della presentazione Gualtieri ha ricordato le vittime della guerra in Ucraina esprimendo solidarietà verso la popolazione colpita dall’attacco della Russia e ponendo l’accento sull’impegno di Roma finalizzato alla salvaguardia della pace. Al centro del progetto capitolino, un nuovo modo di concepire la convivenza urbana, oltrepassando così le barriere tra centro e periferia. Entro il 2050 due terzi della popolazione mondiale vivranno nelle metropoli.

PERSONE E TERRITORI: RIGENERAZIONE URBANA, INCLUSIONE E INNOVAZIONE

Il progetto di candidatura di Roma Expo 2030 vuole indicare un modo nuovo di promuovere la convivenza urbana, superando la tradizionale separazione tra centro e periferia. Entro il 2050 le metropoli ospiteranno i due terzi dell’intera popolazione mondiale: la relazione tra territorio e persone è quindi una delle più grandi sfide del nostro tempo. Con il tema “Persone e territori: rigenerazione urbana, inclusione e innovazione” Roma vuole essere il centro di questo nuovo modello di città: inclusivo, interconnesso, sostenibile e condiviso.

A Roma tutti i Paesi partecipanti potranno dare il proprio contributo per individuare il modello di convivenza urbana del futuro. Roma ha inoltre l’occasione imperdibile di coniugare Expo 2030 con un altro evento di respiro mondiale e di grande importanza spirituale, il Giubileo 2025, che già si prepara a ospitare. Un’importante opportunità di sinergia per la realizzazione di opere e infrastrutture funzionali, pronte ad accogliere milioni di pellegrini, ottimizzando costi e risorse.

TOR VERGATA, IL DISTRETTO URBANO SCELTO PER LA CANDIDATURA

Il sito scelto per la candidatura è l’area di Tor Vergata. La scommessa del progetto è duplice: da un lato, ospitare le migliori idee su come ripensare la relazione tra persone e territori, rendendo l’evento mondiale un crocevia di intelligenze e avanguardie dell’innovazione. Dall’altro, concepire l’Expo come occasione per avviare un’imponente opera di rigenerazione urbana. Non solo dell’area dell’Expo, ma di un intero quadrante di Roma, ricco di potenzialità nel suo mix di natura, storia e scienza. L’area sarà quindi un laboratorio aperto al contributo di tutti, in cui tracciare un nuovo modello di sviluppo del territorio.

Consulente Creativo per la visione strategica di Expo 2030 Roma sarà Carlo Ratti, professore al Mit, direttore del Senseable City Lab, e fondatore dello studio di design e innovazione CRA Carlo Ratti Associati. Tra i diversi ruoli svolti, rappresenta una figura di spicco per le relazioni tra architettura e tecnologia, innovazione e sostenibilità.

Con una vasta esperienza in occasioni internazionali, ha svolto un ruolo cruciale nelle ultime due Expo. Tra i suoi progetti recenti in questo ambito, vi è il masterplan per MIND (Milano Innovation District), che ridefinisce l’ex area di Expo 2015 trasformandola in un polo innovativo per la città. Infine, a Expo 2020 ha progettato il Padiglione Italia con lo studio Italo Rota Building Office, matteogatto&associati e F&M Ingegneria.

 

IL LOGO DELLA CANDIDATURA DI ROMA

Il logo della candidaturarealizzato da M&C Saatchi, racchiude l’idea di un futuro che punta ad unire le persone, abbracciandone le diversità e promuovendo lo sviluppo sostenibile dei territori in cui vivono. L’immagine di una porta esprime da sempre un simbolo di accoglienza, scambio e integrazione di culture diverse.  Si tratta di un logo dinamico, che rappresenta uno dei caratteri distintivi della candidatura di Roma a Expo 2030 e mantiene la sua identità pur variando costantemente forma e colore.

 Sarà infatti proiettato con un’animazione sia all’esterno che all’interno del Padiglione Italia presente a Dubai e, nel corso della candidatura, sarà più di un semplice oggetto grafico; per la prima volta nella storia delle esposizioni universali, infatti, il logo di un’Expo diventa un NFT (non-fungible token) ed è salvato sulla blockchain. Un pezzo unico di arte digitale che ci accompagna verso un futuro sostenibile, digitale e connesso.

 

TOR VERGATA SEDE DI EXPO 2030, PRSERVARE IL VERDE

La nostra idea cardine per Expo 2030 è quella di rinnovare il rapporto tra persone e territori. Roma è il luogo più adatto per ospitare un’Expo che si misuri con questo obiettivo. Innanzitutto, è una città unica che mostra la sua storia di migliaia di anni e dove l’evoluzione del rapporto tra persone e territorio è visibile nella stratificazione urbana. Nei prossimi anni daremo nuovamente prova della nostra capacità di reinventarci, con progetti come il nuovo piano di assetto dei Fori e dell’area archeologica centrale. In secondo luogo, la cintura verde di Roma è una delle più estese al mondo.

Preserveremo e rafforzeremo questo tratto fondamentale della nostra identità per proiettarlo in una nuova idea di sviluppo urbano. Inoltre, Roma è un bastione della cultura e della scienza, che ospita università, centri di ricerca e accademie di rilievo mondiale. Realtà che saranno il cuore della nostra esposizione, anche grazie a progetti come il Rome Technopole, centro di riferimento internazionale per la formazione, la ricerca e il trasferimento tecnologico, e la “Città della Scienza”, multidimensionale ed altamente specializzata.

Un altro pilastro fondamentale è quello della solidarietà e dell’inclusione, a cui la nostra Amministrazione sta riservando un impegno particolare, in linea con la nostra idea di città policentrica, basata sulla prossimità dei servizi, la cura e le relazioni tra le persone. L’area di Tor Vergata ci consentirà di realizzare strategie innovative per una rigenerazione urbana intelligente, inclusiva e sostenibile. Un’opportunità per Roma di appassionare ancora una volta il mondo intero” ha affermato il Sindaco di Roma Roberto Gualtieri.

L’INTERVENTO DI LUIGI DI MAIO

 “Il Governo Italiano, la Città di Roma, i suoi cittadini, il settore privato e la comunità scientifica ed accademica sono impegnati ad intraprendere questo viaggio, con il pieno e convinto supporto del Ministero degli Affari e della Cooperazione Internazionale e della sua rete diplomatico-consolare nel mondo.  Roma è una città che si è reinventata nel corso dei 28 secoli della sua storia. L’attività umana ha trasformato il tessuto urbano, dotando la città di uno straordinario dinamismo.

Roma ha una lunga tradizione di apertura, universalità e inclusività. Oggi Roma offre un equilibrio virtuoso tra design urbano moderno e l’ambiente.  È un luogo dove passato e futuro sono fortemente interconnessi, come testimoniato dal suo distretto scientifico e tecnologico, tra i più avanzati al mondo.

Università, acceleratori, start-ups basate a Roma, così come il Fondo Nazionale Innovazione, tutti parteciperanno attivamente a rendere l’Expo 2030 la vetrina ideale per mostrare come anche le tecnologie più innovative possano applicarsi ad una città storica” ha dichiarato il Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Luigi Di Maio.

LE PAROLE DEL MINISTRO GIOVANNINI

“Roma Expo 2030 rappresenta una grande occasione per mettere a sistema e integrare gli ingenti investimenti previsti con il Pnrr e da altri fondi nazionali, 8,2 miliardi di euro destinati a interventi per le infrastrutture e la mobilità nella municipalità Capitolina, nella Città Metropolitana di Roma e nel Lazio. La sostenibilità economica, sociale e ambientale è al centro della sfida globale e italiana della sostenibilità, di cui il Padiglione Italia a Expo Dubai rappresenta un bellissimo esempio.

Sono certo che la sensibilità dell’attuale amministrazione comunale farà sì che Roma Expo 2030 diventi un grande esempio di evento internazionale interamente sostenibile. Si tratta di un’occasione irripetibile di rinnovamento e riqualificazione, nella quale coinvolgere i privati e la società civile, per rafforzarne gli impatti positivi a tutti i livelli e in ogni settore” ha sottolineato il Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili Enrico Giovannini.

GIAMPIERO MASSOLO E PAOLO GLISENTI per Tor Vergata sede di Expo 2030,

“Il progetto di Expo Roma 2030 è una grande impresa collettiva, che coinvolge le energie migliori non solo della città di Roma, ma dell’Italia intera. È una opportunità irripetibile per riflettere sui nuovi paradigmi nel rapporto tra le persone e i territori ad ogni latitudine. Offriamo al mondo una vetrina unica per presentare le idee migliori e i progetti più ambiziosi su temi cruciali per il futuro dell’umanità, al centro dell’Agenda dello Sviluppo 2030 delle Nazioni Unite. A loro va tutto il nostro impegno”, ha commentato l’Ambasciatore Giampiero Massolo, Presidente del Comitato promotore di Expo Roma 2030.

 

“Siamo onorati di ospitare nel Padiglione Italia a Dubai il lancio della candidatura di Roma per l’Expo del 2030. Inizia qui, davanti alla più vasta platea internazionale mai raccolta da un’Esposizione Universale, il cammino verso questo prestigioso traguardo che sancirà la visione globale e inclusiva di Roma Capitale. Ciò che l’Italia ha fatto in questi mesi a Expo Dubai diventa da oggi patrimonio di Roma per un’Expo di straordinario successo” ha affermato il Commissario generale per la partecipazione dell’Italia a Expo 2020 Dubai, Paolo Glisenti.

 TOR VERGATA SEDE DI EXPO 2030, UNA SFIDA PER L’ITALIA

“Expo 2030 rappresenta una straordinaria sfida per l’Italia e mi fa molto piacere essere parte dell’ampio team che sta mettendo a punto la visione strategica per la candidatura della città di Roma. Il tema che abbiamo scelto, Together, vuole enfatizzare l’importanza di adottare valori comuni, in una prospettiva multidisciplinare e transculturale. Lo spazio fisico delle nostre città è il luogo che può e deve aiutarci a rafforzare i valori della diversità e del dialogo.

Roma può giocare un ruolo chiave in questo scenario, tracciando una strada per il futuro delle manifestazioni internazionali. Tramite Expo, possiamo trattare di innovazione e sostenibilità in modi concreti, sia durante la manifestazione, sia per quanto sarà lasciato in eredità alla città di Roma”, ha spiegato il Prof. Carlo Ratti, Consulente Creativo per la visione strategica di Expo Roma 2030.

Attualità

Il Rinnovamento di Via Ottaviano a Roma: Tra Critiche e Promesse

Pubblicato

il

Il Rinnovamento di Via Ottaviano a Roma: Tra Critiche e Promesse

Il Sindaco Gualtieri Replica ai Commercianti: “Faceva Schifo, La Stiamo Rifacendo!”

Il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, è al centro di un acceso dibattito con i commercianti di via Ottaviano, preoccupati per i disagi causati dai lavori in corso. In un video pubblicato sulla pagina Facebook di Forza Italia Roma, il sindaco risponde alle critiche dei negozianti che lamentano la mancanza di chiarezza sui tempi di completamento dei lavori.

Impatto dei Lavori su Via Ottaviano

Via Ottaviano sta subendo un’importante opera di ristrutturazione che coinvolge l’area dalla fermata della Metro Ottaviano in via Giulio Cesare fino a piazza Risorgimento e San Pietro. I commercianti locali esprimono il loro disappunto per i disagi causati dai lavori, che avanzano lentamente. Luisa Regimenti, segretario di Forza Italia Roma, e Rina Grasso, coordinatrice della stessa nel Municipio Roma I, hanno manifestato il loro disappunto in una nota ufficiale.

Disagi e Mancanza di Trasparenza

“La decisione di chiudere completamente via Ottaviano per i lavori sta provocando enormi disagi,” si legge nella nota. “In alcune aree il marciapiede è stato demolito e lasciato con sabbia; non c’è spazio neanche per il passaggio dei mezzi di soccorso e, ad oggi, non esiste una data certa per la conclusione del cantiere che è iniziato a marzo.”

La Critica alle Dichiarazioni di Gualtieri

Nella stessa nota si legge: “A peggiorare la situazione, il sindaco parla di rifacimento della strada a ‘spese nostre’, scatenando le proteste dei presenti. I ritardi e i problemi legati ai lavori per il Giubileo 2025 stanno emergendo chiaramente.”

La Replica di Gualtieri ai Commercianti

In un secondo video, Gualtieri risponde ai commercianti: “Di solito a Roma per questo tipo di lavori ci vuole il doppio del tempo; questo è uno dei lavori più rapidi della storia della città. Causa disagio? Certo, ma un boulevard bellissimo vi ripagherà dieci volte il disagio subito.”

Priorità e Sfide del Giubileo 2025

Il sindaco aggiunge: “Come commissario del Giubileo, ho tanti problemi e tanti cantieri in ritardo, ma questo non è uno di quelli. Via Ottaviano era una cosa decorosa? No, faceva schifo, la stiamo rifacendo. Vi stiamo realizzando la via più bella di Roma.”

Conclusioni sul Dibattito

Il dibattito resta aperto: da un lato i commercianti che vedono solo i disagi immediati, dall’altro il sindaco che promette un futuro migliore per via Ottaviano. Solo il tempo dirà se le promesse di Gualtieri saranno mantenute.

Per ulteriori dettagli, puoi visitare la fonte originale.

Continua a leggere

Attualità

Allarme a Roma: Uomo Armato di Sciabola Sconvolge il Quartiere Prenestino

Pubblicato

il

Allarme a Roma: Uomo Armato di Sciabola Sconvolge il Quartiere Prenestino

Attimi di Panico a Prenestino per un 48enne Armato di Sciabola

Una mattinata di paura e tensione si è verificata oggi nel quartiere Prenestino di Roma, dove un uomo di 48 anni è stato avvistato in strada con una sciabola. Fortunatamente, l’intervento rapido della polizia locale ha impedito conseguenze drammatiche. Il 48enne è stato fermato, denunciato e la sciabola sequestrata immediatamente.

L’Intervento Risolutivo della Polizia Locale

L’episodio si è svolto nell’area est della Capitale e avrebbe potuto avere esiti molto più seri, se non fosse stata per l’efficacia delle forze dell’ordine. Gli agenti della polizia locale di Roma Capitale sono intervenuti prontamente sul posto e sono riusciti a fermare l’uomo armato. Grazie alla loro azione tempestiva, nessun cittadino è rimasto ferito.

Il Terrore Tra i Residenti

La visione dell’uomo armato ha generato terrore tra i residenti del quartiere. Alla vista della sciabola, i passanti si sono allontanati velocemente, preoccupati che l’individuo potesse ferire qualcuno. Questo clima di paura ha spinto i cittadini a lanciare l’allarme, ricevendo una rapida risposta da parte delle autorità locali.

I vigili fermano il 48enne armato di sciabola

Denuncia per Porto Abusivo di Armi

Il grave episodio è accaduto in via Aquilonia, dove una pattuglia del V Gruppo Prenestino ha bloccato il 48enne. Secondo le ricostruzioni, l’uomo camminava per strada impugnando una sciabola, solitamente un’arma in dotazione agli ufficiali delle forze armate. Detenuta illegalmente, la sciabola è stata sequestrata e, dopo l’identificazione e il controllo, l’uomo è stato denunciato per porto abusivo di armi.

Conclusioni

Questo episodio di estrema tensione sottolinea l’importanza della prontezza d’azione e dell’efficacia delle forze dell’ordine. La polizia locale di Roma Capitale ha confermato la sua capacità di intervenire rapidamente per garantire la sicurezza pubblica e prevenire situazioni potenzialmente pericolose. I cittadini del quartiere Prenestino possono ora sentirsi sollevati, consci di poter fare affidamento su un sistema di sicurezza efficiente.

Fonte

Continua a leggere

Attualità

Incidente Mortale su Via Tiburtina: Un Deceduto e una Persona Ferita

Pubblicato

il

Incidente Mortale su Via Tiburtina: Un Deceduto e una Persona Ferita

Tragico Scontro a Roma: Un Morto e una Ferita

L’Incidente Mortale

Un episodio drammatico si è verificato su via Tiburtina, nelle vicinanze del Grande Raccordo Anulare a Roma. Un uomo di 54 anni, alla guida di uno scooter, ha perso la vita mentre la sua passeggera è rimasta ferita a seguito di un violento scontro con tre automobili.

Dettagli del Sinistro

L’incidente è avvenuto nel primo pomeriggio di mercoledì 17 luglio, nei pressi del civico 1210, nel quadrante Est della Capitale. Un uomo di 54 anni, la cui identità non è stata ancora resa nota, è stato coinvolto nello scontro mentre era alla guida di uno scooter Honda SH con una passeggera. L’incidente ha coinvolto anche tre automobili: una Dr Evo, una Fiat Punto e una Volkswagen Polo.

La Dinamica dello Scontro

Intorno alle ore 15, il violento impatto ha sbalzato entrambi i passeggeri dello scooter sull’asfalto. Diversi automobilisti di passaggio si sono fermati per prestare i primi soccorsi immediatamente dopo l’incidente. L’urto tra i veicoli è stato così intenso da rendere necessaria una rapida risposta dei soccorsi.

Intervento dei Soccorritori

Poco dopo il tragico evento, è stata effettuata una chiamata al Numero Unico delle Emergenze 112. Sul luogo sono giunti rapidamente i paramedici con diverse unità di soccorso. Nonostante i loro sforzi, il 54enne è deceduto praticamente sul colpo. La passeggera, invece, è stata trasportata al Policlinico Umberto I con codice giallo e non sembrerebbe essere in pericolo di vita.

Indagini e Accertamenti

Gli agenti del IV Gruppo Tiburtino della polizia locale di Roma Capitale hanno eseguito i rilievi del caso e raccolto testimonianze per ricostruire la dinamica dell’incidente. I conducenti delle tre automobili coinvolte sono stati portati al Policlinico Umberto I per i necessari accertamenti, al fine di chiarire le responsabilità dello scontro.

Fonte

Continua a leggere

Attualità

Incendio Interrompe la Linea Ferroviaria Roma-Napoli: Treni Fermi e Disagi

Pubblicato

il

Incendio Interrompe la Linea Ferroviaria Roma-Napoli: Treni Fermi e Disagi

L’Incidente che ha Bloccato i Treni sulla Tratta Torricola-Pomezia

Un incendio si è sviluppato nei pressi dei binari della linea ferroviaria Roma-Napoli via Formia, causando l’interruzione del traffico tra Torricola e Pomezia. Questo evento ha provocato cancellazioni e notevoli ritardi, bloccando migliaia di passeggeri in attesa di comunicazioni aggiornate.

Tempistiche dell’Incendio e Primi Interventi

Le fiamme sono divampate nel primo pomeriggio di mercoledì 17 luglio, ma ancora non è chiara la causa. Trenitalia Infomobilità ha prontamente informato i viaggiatori dell’interruzione del servizio, specificando che la circolazione è sospesa dalle ore 14:24. Il personale di Trenitalia ha immediatamente lanciato l’allarme, richiedendo l’intervento tempestivo dei vigili del fuoco.

Operazioni di Spegnimento e Ripristino del Servizio

Le fiamme, vicinissime ai binari, impediscono il transito sicuro dei treni. I tecnici e il personale di Trenitalia sono al lavoro per ristabilire il servizio quanto prima, ma è ancora incerto quando i treni potranno riprendere a circolare sulla tratta Torricola-Pomezia.

Disagi per i Viaggiatori e Condizioni Climatiche Avverse

I viaggiatori sono inevitabilmente soggetti a notevoli disagi, amplificati dal caldo intenso con temperature che raggiungono i 40 gradi. Il Ministero della Salute ha emesso un bollino rosso per diverse città italiane, inclusi alcuni capoluoghi del Lazio, a causa del gran caldo.

Treni Coinvolti e Aggiornamenti

Trenitalia ha comunicato che i treni Intercity e Regionali potrebbero subire ritardi. Per aggiornamenti in tempo reale sulla circolazione, i passeggeri sono invitati a consultare il [portale ufficiale di Trenitalia](https://www.trenitalia.com/it/informazioni/Infomobilita/notizie-infomobilita.html). I treni direttamente coinvolti e attualmente fermi sono i seguenti:

– IC 552 Reggio Calabria Centrale (7:46) – Roma Termini (15:34)
– IC 1523 Prato Centrale (9:59) – Napoli Centrale (15:29)
– IC 700 Battipaglia (11:35) – Roma Termini (14:48)
– IC 555 Roma Termini (14:26) – Reggio Calabria Centrale (22:16): oggi termina la corsa a Napoli Centrale (16:29)

Invito ai Passeggeri

Mentre continuano le operazioni di spegnimento e ripristino, i passeggeri sono invitati a restare aggiornati attraverso i canali ufficiali di Trenitalia per ulteriori comunicazioni.

Continua a leggere

Attualità

Scandalo al Cem: La Testimonianza di una Mamma Sconvolge

Pubblicato

il

Scandalo al Cem: La Testimonianza di una Mamma Sconvolge

Una Mamma Denuncia: “Chi ha Sbagliato Deve Pagare, ma il Cem Non Deve Chiudere”

“Abbiamo sempre avuto fiducia nella struttura, eravamo sempre presenti, ma ora il mondo ci è crollato addosso,” dichiara Maria Cidoni, la mamma di Barbara, una degli ospiti del Cem. Non desideriamo la chiusura del centro, però chi ha fatto degli errori deve pagare.

Le Lacrime di una Mamma

Maria Cidoni non riesce a trattenere le lacrime. Sua figlia Barbara è una degli ospiti disabili del centro della Croce Rossa, dove il 16 luglio 2024 sono stati arrestati dieci operatori. “Non ce lo saremmo mai aspettati. Ignoravamo completamente le situazioni interne. Non avremmo mai pensato che qualcosa di così grave potesse succedere,” confida Maria ai microfoni di Fanpage.it. “Noi familiari eravamo sempre presenti, non possiamo essere accusati di nulla. Ci è crollato il mondo addosso.”

Una Presenza Costante e Necessaria

“Noi genitori eravamo sempre lì. La nostra presenza era costante,” continua Maria, impegnata da tempo nella difesa dei diritti degli ospiti del Cem. “C’erano degli orari da rispettare per la chiusura dei reparti, ma avevamo chiesto un accesso meno limitato,” aggiunge.

Torture e Minacce ai Pazienti Disabili del Cem

“Vogliamo la serenità per i ragazzi,” afferma Maria a nome degli altri genitori. “Abbiamo sempre avuto fiducia nella struttura, e quanto accaduto è inaccettabile. Trattate male noi genitori, ma non loro,” continua. “Non vogliamo che chiuda questa struttura. Chiediamo che i nostri cari possano vivere in pace e che i loro diritti siano rispettati. Continueremo a collaborare. Ma ieri ci è crollato il mondo addosso.”

Violenze e Maltrattamenti sui Pazienti del Cem

Gli operatori arrestati sono accusati di aver inflitto ripetute violenze su due pazienti con gravi disabilità psico-fisiche. Cinque di loro sono gravemente indiziati di tortura, gli altri cinque di maltrattamenti. Un operatore è accusato anche di violenza sessuale per aver palpeggiato un paziente.

Cosa Accadeva Dentro il Cem

“Ti metto la penna in gola, tu stasera vuoi morire… ti scannerò tutta la notte,” queste le minacce di un operatore a un paziente. Violenza e minacce contro coloro che invece avrebbero dovuto proteggere e curare. Mentre alcuni operatori aguzzini infliggevano violenze, altri non intervenivano.

Fonte

Continua a leggere

Attualità

Omicidio Cerciello : La Procura di Roma Ricorre Contro i Domiciliari di Hjorth a Fregene

Pubblicato

il

Omicidio Cerciello : La Procura di Roma Ricorre Contro i Domiciliari di Hjorth a Fregene

Il Caso del Carabiniere Mario Cerciello Rega

Il Ricorso della Procura sui Domiciliari

La Procura di Roma ha presentato un ricorso contro la decisione di concedere gli arresti domiciliari a Gabriel Natale Hjorth presso la casa della nonna a Fregene. Hjorth è stato condannato per l’omicidio del carabiniere Mario Cerciello Rega. La Corte d’Assise d’Appello ha consentito a Hjorth di scontare la pena ai domiciliari, monitorato da un braccialetto elettronico e con il divieto di contatti con l’esterno.

Condanne Ridotte in Appello

Sia Gabriel Natale Hjorth che il suo amico Lee Elder Finnegan sono stati condannati per l’omicidio del vicebrigadiere Cerciello Rega. Lee Elder è stato condannato a 15 anni e due mesi di carcere, mentre Hjorth ha ricevuto una pena di 11 anni e 4 mesi. Le condanne iniziali sono state ridotte in appello, rispetto alle pene severe richieste originariamente dalla Procura generale.

Gli Arresti Domiciliari a Casa della Nonna

A luglio 2019, il carabiniere Cerciello Rega è stato tragicamente assassinato. Hjorth, dopo aver scontato quasi la metà della sua pena in carcere, ha ricevuto dagli giudici l’approvazione per concludere la detenzione agli arresti domiciliari. Questa decisione è stata supportata dalle prove di un percorso di riabilitazione positivo, sia nell’ambito trattamentale che accademico, seguito da Hjorth.

Dettagli delle Condanne Ridotte

Il 3 luglio, le pene sono state ridotte: 15 anni per Lee Elder Finnegan e 11 anni per Gabriel Natale Hjorth. La Procura generale aveva inizialmente chiesto 23 anni e 9 mesi per Elder e 23 anni per Hjorth. L’appello bis ha portato a una riduzione delle sanzioni inflitte.

L’Omicidio del Vicebrigadiere

La notte del 26 luglio 2019, nel quartiere Prati di Roma, il carabiniere Mario Cerciello Rega è stato ucciso. Intervenuto insieme al collega Andrea Varriale dopo una segnalazione di tentato ricatto da parte di Sergio Brugiatelli, è stato accoltellato da Lee Elder durante una colluttazione. Cerciello Rega è morto dissanguato sul posto. I due giovani americani hanno dichiarato di non aver capito che le vittime fossero carabinieri e di aver agito per paura.

Fonte

Continua a leggere

Attualità

Omicidio di Michelle Causo: 17enne Condannato a 20 Anni di Carcere

Pubblicato

il

Omicidio di Michelle Causo: 17enne Condannato a 20 Anni di Carcere

La Sentenza per l’Assassinio di Michelle Causo

Il Tribunale per i Minori di Roma ha sentenziato 20 anni di reclusione per il giovane cingalese, all’epoca dei fatti 17enne, riconosciuto colpevole dell’omicidio di Michelle Causo, avvenuto il 28 giugno 2023. Il corpo della ragazza è stato ritrovato in un carrello della spesa abbandonato per strada.

«Ho commesso un reato gravissimo e voglio pagare per quello che ho fatto».

Una Sentenza Senza Pietà

Nonostante il pubblico ministero avesse richiesto una pena più severa di 30 anni, la condanna a 20 anni rappresenta comunque un’importante decisione giudiziaria, visto che raramente un minore riceve una punizione così grave. Michelle e il suo assassino avevano entrambi la stessa età e l’atrocità si è consumata nella zona di Primavalle a Roma.

Nuove Accuse e Problemi Legali

Il caso ha visto ulteriori sviluppi con l’emergere di nuove accuse. Il giovane condannato è ora accusato di “revenge porn” e violenza, complicando ulteriormente la sua situazione legale. Queste accuse derivano da comportamenti online tenuti dal ragazzo durante la sua detenzione.

Utilizzo dei Social Media dal Carcere

I genitori di Michelle hanno denunciato il fatto che il killer utilizzi i social media dal carcere per comunicare con le amiche della vittima. Questo comportamento ha sollevato preoccupazioni sulla gestione del detenuto e aggiunto ulteriore dolore e frustrazione alla famiglia di Michelle.

Ricordando Michelle

La madre di Michelle ha espresso una parziale soddisfazione per la sentenza, affermando: «Oggi con questa sentenza riusciamo un pochino a dare giustizia a Michelle. È la prima volta che un minore prende 20 anni, ma se li merita tutti. Adesso andiamo avanti, ho un altro figlio e mi dovrò dedicare completamente a lui». Le sue parole evidenziano il desiderio di trovare pace e di concentrarsi sulla famiglia rimasta.

Fonte

Continua a leggere

Attualità

Nuove Tariffe dei Taxi a Roma: Introdotta la Tariffa Minima di 9 Euro e Aumenti sulle Corse per gli Aeroporti

Pubblicato

il

Nuove Tariffe dei Taxi a Roma: Introdotta la Tariffa Minima di 9 Euro e Aumenti sulle Corse per gli Aeroporti

Aumenti sui Taxi a Roma Prima del Giubileo

A pochi mesi dall’inizio del Giubileo, sono stati confermati gli aumenti sui taxi a Roma. Ora, la tariffa minima è fissata a 9 euro, ed è previsto un incremento dei costi anche per le tratte con gli aeroporti.

Aumento delle Tariffe

Le tariffe dei taxi a Roma sono state ritoccate verso l’alto. La tariffa base è stata portata a 9 euro, con incrementi del 16% per le tratte più brevi, e un aumento dei costi per le corse da e verso gli aeroporti della città. Questo adeguamento, il primo dal 2012 per le tariffe generali e dal 2000 per quelle aeroportuali, arriva in vista dell’inizio del Giubileo.

Nuove Licenze in Arrivo

Per affrontare la carenza di taxi, il Campidoglio ha annunciato un bando per rilasciare mille nuove licenze. Queste si aggiungeranno alle 7.715 già in circolazione, con l’obiettivo di portare il numero totale di taxi operativi a 9.000 entro il Giubileo. La gara per le nuove licenze potrebbe essere pubblicata entro la fine di luglio.

Aumento dei Prezzi: Cosa Cambia

La nuova tariffa minima è fissata a 9 euro, indipendentemente dalla lunghezza del viaggio, con rincari del 16% per le corse più brevi. L’Assessore alla Mobilità del Comune di Roma, Eugenio Patané, ha spiegato che l’aumento dei prezzi sulle tratte sarà almeno del 15%, per adeguarsi all’inflazione rilevata da Istat dal 2012.

Impacto sui Passeggeri e Sconto Over 70

Nonostante gli aumenti, ci sono anche alcuni vantaggi per i passeggeri. Lo sconto per le donne che viaggiano di notte passa dal 10% al 15%, mentre invariati rimangono quelli per chi si reca in ospedale o esce da una discoteca. È stato introdotto anche un nuovo sconto del 10% per gli over 70.

Nuove Tariffe per gli Aeroporti di Fiumicino e Ciampino

Anche le tratte da e per gli aeroporti di Fiumicino e Ciampino vedranno un aumento dei prezzi. La corsa verso Fiumicino passa da 50 a 55 euro, mentre quella per Ciampino aumenta dai 31 attuali a 40 euro, partendo dalle Mura Aureliane. Questo aumento colpirà principalmente i turisti e i pellegrini che visiteranno Roma durante il Giubileo del 2025.

Fonte: Fanpage

Continua a leggere

Attualità

Uomo alla guida estratto dalle fiamme, strada chiusa al traffico

Pubblicato

il

Uomo alla guida estratto dalle fiamme, strada chiusa al traffico

Auto a Fuoco sulla Via Pontina: Salvataggio del Conducente

Nel primo pomeriggio di oggi, martedì 16 luglio 2024, un’auto ha preso fuoco lungo la via Pontina. Il conducente è stato salvato dai soccorritori.

L’Incendio Sulla Pontina

Le fiamme sono divampate lungo la via Pontina, provenienti da un’automobile. Alcuni agenti della polizia locale di Roma Capitale del G.S.S.U. (Gruppo Sicurezza Sociale Urbana), che si trovavano in transito in direzione Pomezia, hanno notato l’incendio. La via Pontina è attualmente chiusa all’altezza di Tor de Cenci in direzione Pomezia.

Salvataggio del Conducente

L’allarme è stato lanciato immediatamente e il conducente del mezzo, un cinquantasettenne, è stato prontamente soccorso e messo in salvo. La principale preoccupazione era la possibilità di un’esplosione, data la presenza dell’impianto Gpl nel veicolo.

L’Intervento dei Vigili del Fuoco

Gli agenti hanno delimitato l’area intorno al veicolo e hanno estratto il conducente dal posto di guida. Successivamente, hanno richiesto l’intervento dei vigili del fuoco che sono arrivati con un CRRC e due moduli antincendio. Fortunatamente, non ci sono state persone ferite o coinvolte. L’intervento rapido ha evitato conseguenze peggiori e scongiurato lo scoppio del serbatoio GPL.

Chiusura della Via Pontina

Ulteriori pattuglie del IX Gruppo Eur hanno gestito la viabilità, chiudendo la via Pontina all’altezza di Tor de Cenci in direzione Pomezia e deviando il traffico su Tor De Cenci. Questo ha consentito lo spegnimento dell’incendio, che ha interessato anche le sterpaglie della zona circostante.

Altri Incendi a Guidonia e Castel Romano

Nella stessa giornata, verso le 14.30, i vigili del fuoco sono intervenuti anche a Guidonia Montecelio e Castel Romano per due vasti incendi di sterpaglie. Il primo in via Isonzo, il secondo sempre sulla Pontina. In entrambi i casi è stato richiesto l’intervento del DOS (Direttore delle Operazioni di Spegnimento).

Fonte

Continua a leggere

Attualità

Bimbo di 16 mesi muore nella notte mentre i genitori lo portano in ospedale

Pubblicato

il

Bimbo di 16 mesi muore nella notte mentre i genitori lo portano in ospedale

Cause del Decesso del Bambino di 16 Mesi

Un bambino di 16 mesi è morto la scorsa notte nel Frusinate mentre i genitori lo trasportavano in ospedale. Le cause del decesso saranno stabilite dall’autopsia.

La Tragedia di Campoli Appennino

Un bambino di sedici mesi è morto a Campoli Appennino, in provincia di Frosinone. I drammatici fatti risalgono alla notte tra lunedì 15 e martedì 16 luglio. Secondo una prima ricostruzione, il piccolo si sarebbe sentito male per cause non note e ancora in corso di accertamento.

I genitori, notando che qualcosa non andava nel loro figlio, lo hanno messo in macchina per portarlo al pronto soccorso. Tuttavia, le condizioni di salute del bambino sono precipitate in pochi minuti e il piccolo è morto durante la corsa verso l’ospedale.

Ipotesi di Malformazione Congenita

Arrivati all’ospedale Santissima Trinità di Sora, i medici non hanno potuto fare altro che constatare il decesso del bambino. Sulla vicenda indaga la Procura della Repubblica di Cassino, che ha aperto un’inchiesta, sequestrato la salma e disposto l’autopsia. Sarà il medico legale, sulla base dei risultati degli esami autoptici, a stabilire le cause del decesso. Al momento, l’ipotesi è che il bambino fosse affetto da una malformazione congenita.

Neonata Morta in Casa ad Albano Laziale

La settimana scorsa, venerdì 12 luglio, un altro drammatico episodio ha avuto luogo ad Albano Laziale, nel territorio dei Castelli Romani. Una neonata di due mesi è morta in casa. La bimba è stata trovata dalla mamma, che ha immediatamente chiamato i soccorsi. Anche in questo caso, la Procura ha aperto un’inchiesta. L’ipotesi del decesso è che la piccola sia stata colta da un malore improvviso. Sulla salma è stata eseguita un’autopsia per determinare le cause della morte.

Fonte

Continua a leggere

ARTICOLI PIU'LETTI DELLA SETTIMANA