Gas Italia, Cingolani rassicura: “Nessuna emergenza in inverno”

Gas Italia, il ministro per la Transizione ecologica fa il punto sulle scorte e sull'indipendenza dalla Russia"

gas italia cingolani
Ultimo aggiornamento:

Della situazione del gas Italia Cingolani ha parlato a Bruxelles, durante il Consiglio straordinario per l’Energia. Quanto ai siti di stoccaggio, ha fatto presente che sono riempiti “per oltre il 70% e vanno per il 71“, attraverso operazioni che procedono “fluidamente“. Sulle forniture, ha poi aggiunto che sono stati reperiti “25 miliardi di metri cubi, che hanno sostituito i circa 30 provenienti dalla Russia. Di questi, metà sono di gas naturale liquefatto. Per questo, abbiamo acquistato due rigassificatori galleggianti, che verranno installati entro 1-2 anni“.

GAS ITALIA, TRA INDIPENDENZA E RISPARMIO

L’operazione indipendenza dalla Russia si avvia dunque al completamento: “Entro inizio inverno non avremo quasi più bisogno della fornitura. Per l’anno prossimo poi saremo completamente autonomi e ci troveremo in una situazione piuttosto sicura“. I consumi però dovranno essere comunque ridotti: “All’inizio – spiega Cingolani l’Ue aveva stabilito un 15% per tutti. Visto che però era complicato, si è deciso di variare la soglia da paese a paese. Per l’Italia, dovremmo risparmiare il 7% della media degli ultimi cinque anni. E noi abbiamo già pronto un piano per arrivare ad una quantità uguale o superiore a questa“.