Figli segregati in casa dal padre: orrore a Capannelle

Figli segregati in casa dal padre. La terribile vicenda si sarebbe consumata all’interno di un appartamento in zona Capannelle. Un immobile in pessimo stato di conservazione, con le pareti totalmente impregnate di muffa. Qui i due minori sarebbero stati rinchiusi  dal genitore, che in diverse occasioni li avrebbe puniti colpendoli con una cintura. Una condotta che oggi è costata all’uomo, un 53enne, un’imputazione presso il Tribunale di Roma. Dovrà rispondere di maltrattamenti in famiglia. Gli episodi di cui si sarebbe reso protagonista, riporta Il Messaggero, sarebbero avvenuti nel 2020.

FIGLI SEGREGATI IN CASA, IL RACCONTO DELLO ZIO

A confermarli, ieri di fronte ai magistrati, lo zio delle piccole vittime: “Uno dei miei nipoti ha detto a mia sorella ‘portami via da qui, voglio una vita normale. Papà non mi vuole bene. Voglio diventare grande e pagare il riscatto per mio fratello. Voglio uccidere mio padre. Lui li teneva prigionieri e sua moglie ne era succube, schiava dell’amore che provava per lui“. Il congiunto ha poi riferito di tutta una serie di cose che ai bambini non era permesso fare: ad esempio, il rivolgere la parola ad altri a scuola. E, per ordine del padre, dovevano dirimere le controversie prendendosi a botte.

FIGLI SEGREGATI IN CASA, LE PAROLE DELLA MADRE

La madre ai magistrati ha invece aggiunto che i piccoli venivano apostrofati dal 53enne con “toni alti e parole offensive, come ‘encefalitico, non capisci un c***’“. Secondo la donna, il marito lo faceva per il loro bene: “Voleva che fossero al sicuro. Se gli dicevo di socializzare o fare sport, mi minacciava di chiamare i carabinieri“. Dalle parole l’uomo è poi passato ai fatti: “Mentre lavavo i piatti, ho sentito urlare dalla stanza da letto. Sono andata a vedere e ho trovato mio marito con il braccio sul collo di mio figlio piccolo. Il più grande ha cercato di difenderlo, ma lui lo ha minacciato di farlo finire in ospedale“.

Fabio Villani
Laureato alla Specialistica in Filologia Greca e Latina. Esordisco nel giornalismo durante un tirocinio universitario. Tra le mie passioni, calcio, cinema e musica

ULTIME NOTIZIE

LEGGI ANCHE