Seguici sui Social

Attualità

Topi al Colosseo, “Il sindaco di Roma ammetta gli errori”

Pubblicato

il

Roma
A Roma mancavano anche i topi al Colosseo. La notizia sta facendo il giro del mondo e si sono scatenate le polemiche sull’operato del sindaco di Roma Roberto Gualtieri.
“Mancavano solo i topi che si inseguono liberamente tra spazzatura, erbacce e mattoni medievali all’ombra del Colosseo a completare la grande vergogna a cui ogni giorno questa amministrazione comunale ci costringe ad assistere. E’ incredibile che il sindaco Gualtieri e la sua giunta non abbiano nemmeno il pudore di ammettere i gravissimi errori nella gestione della città, a fronte di un’emergenza rifiuti ormai insostenibile e di una crisi sanitaria che rischia di abbattersi sulla salute dei romani e dei tantissimi turisti che visitano la Capitale. La nostra città è sempre più sporca, abbandonata, degradata. Difficile ricordare una situazione peggiore di quella attuale. Gualtieri prenda atto del flop totale e della sciatteria con cui sta governando una delle città più belle al mondo. Roma non merita questo lassismo”. Lo dichiara la deputata della Lega Simonetta Matone.

Attualità

Euro 2024: Parità Albania-Croazia. Italia qualificata se…

Pubblicato

il

Euro 2024, pareggio tra Albania e Croazia

Il pareggio 2-2 tra Croazia e Albania, oltre ad avere delle implicazioni per le singole Nazionali, può sicuramente fare comodo all’Italia di Spalletti. Gli azzurri di domani affronteranno la Spagna, giocandosi il primo match ball in ottica qualificazione agli ottavi dell’Europeo.

I possibili scenari legati agli azzurri

Ecco tutte le soluzioni possibili per la qualificazione dell’Italia:

Se l’Italia batte la Spagna

L’Italia è qualificata come prima del girone.

Se l’Italia perde contro la Spagna

L’Italia si qualifica come seconda dietro alla Spagna, a condizione di pareggiare o vincere contro la Croazia.

Fonte

Continua a leggere

Attualità

Anticiclone: il caldo torrido continua

Pubblicato

il

Previsioni Meteo nel Lazio

Sole e caldo oggi nel Lazio, dove la morsa dell’anticiclone africano non molla la presa. Le temperature saliranno ben oltre i trenta gradi.

Caldo a Roma e nelle Province del Lazio

Ancora caldo oggi a Roma e nelle altre province del Lazio. Già nella giornata di ieri abbiamo visto come il termometro ha fatto un forte sbalzo in alto, salendo di circa cinque gradi in modo repentino. Le massime hanno portato a temperature di circa trentacinque gradi in tutta la regione nella fascia oraria che va dalle 14 alle 17. La giornata che ci aspetta oggi, mercoledì 19 giugno, non sarà diversa. Il sole picchierà molto forte, le temperature raggiungeranno e supereranno in certe zone i trentacinque gradi, mentre il cielo sarà nuvoloso e i venti non soffieranno in modo da regalare un po’ di tregua al caldo torrido di questi giorni.

Previsioni Specifiche per Roma e Altre Località

A Roma le temperature saranno comprese tra diciotto e trentacinque gradi, con cielo poco nuvoloso a partire dal pomeriggio. Caldo torrido anche a Frosinone, dove sono attese le stesse temperature di Roma, mentre a Latina la massima arriverà fino a trentatré gradi. Qui sono le minime a essere più alte, con diciannove gradi in quelle che dovrebbero essere le ore più fresche. Temperatura tra diciotto e trentatré gradi a Rieti, mentre a Viterbo saranno tra diciassette e trentatré gradi.

Previsioni per i Prossimi Giorni

La situazione rimarrà simile fino a venerdì, quando sono previsti quasi quaranta gradi nella regione. Le temperature dovrebbero scendere un po’ nel fine settimana, scendendo sotto i trenta gradi e regalando un po’ di tregua dalla calura estiva, che si sta avvicinando sempre di più. L’anticiclone continuerà a stazionare sul nostro paese ancora qualche giorno, portando con sé temperature alte e caldo. In altre zone d’Italia però, questo causerà un tempo più instabile e non sono escluse precipitazioni.

Fonte

Continua a leggere

Attualità

Difendersi e i rischi per la salute

Pubblicato

il

Bollino Arancione e Allerta Caldo a Roma

Oggi, 18 giugno, a Roma è stato contrassegnato con un bollino arancione e c’è allerta caldo. Le temperature sfioreranno i 35 gradi, ma attenzione a giovedì e venerdì, quando sono attesi 40 gradi nella Capitale.

Primo Bollino Arancione della Stagione Estiva 2024

Oggi è il primo giorno di allerta caldo a Roma e il primo bollino arancione della stagione estiva 2024. Per il momento il caldo non è ancora al livello da bollino rosso, che dovrebbe invece contrassegnare le giornate di giovedì e venerdì. Anche oggi, martedì 18 giugno 2024, il caldo si farà sentire nella Capitale: la mattina è stata ancora fresca, con temperature intorno ai 21/22 gradi, ma nelle ore centrali della giornata il termometro arriverà intorno ai 34 gradi, temperatura percepita 35 gradi. Domani, ancora bollino arancione, le massime arriveranno a 36 gradi. È da giovedì che l’anticiclone africano Minosse farà sentire sul serio la sua presenza: a Roma, infatti, sono previsti 40 gradi. Poi, nel corso del weekend, è prevista una flessione delle temperature.

Bollettino Sulle Ondate di Calore

Come detto, oggi è il primo bollino arancione della stagione a Roma, stando ai dati del bollettino sulle ondate di calore, diffuso dal Ministero della Salute. Bollino giallo, invece, nelle altre province del Lazio. L’allerta di livello 2, arancione, indica "temperature elevate e condizioni meteorologiche che possono avere effetti negativi sulla salute della popolazione, in particolare nei sottogruppi di popolazione suscettibili" (allerta dei servizi sanitari e sociali).

Immagine

Consigli in Caso di Bollino Arancione

In condizioni di bollino arancione, gli esperti consigliano di evitare di uscire ed esporsi al sole nelle ore più calde della giornata, tra le 11 e le 18, e di non fare attività fisica intensa nelle ore più calde. Se possibile, trascorrere le ore più calde della giornata nella stanza più fresca della casa e bagnarsi spesso con acqua. Trascorrere qualche ora in un locale pubblico dotato di aria condizionata, soprattutto nelle ore più calde. Indossare abiti chiari in fibre naturali come lino e cotone e non dimenticare di coprire la testa e usare occhiali da sole. Prima di uscire, applicare sulla pelle scoperta un solare ad alta protezione. Bere molti liquidi ma limitare le bevande zuccherate, gassate, caffè o tè.

Previsioni Meteo Roma e Lazio

Come abbiamo raccontato ieri, per fronteggiare le ondate di calore dell’estate 2024, l’amministrazione capitolina ha sistemato 30 alberi in vaso in corrispondenza di altrettante fermate del bus per rendere l’attesa dei cittadini meno calda e più gradevole. Le temperature sono previste in aumento, con il termometro che sfiorerà i 30 gradi.

Fonte

Continua a leggere

Attualità

18enne studentessa della Luiss denuncia l’accaduto.

Pubblicato

il

Arresto del Fotografo di Moda Fiorentino

Il noto fotografo di moda fiorentino è stato arrestato dopo la denuncia di una giovane di 18 anni, aspirante modella, iscritta al primo anno dell’università Luiss.

Le Accuse Contro Moreno Galli

Moreno Galli, fotografo di moda e cofondatore di una nota agenzia, è stato arrestato con l’accusa di violenza sessuale, a seguito della denuncia di una studentessa romana di 18 anni, iscritta al primo anno di università presso la Luiss. Secondo l’accusa e le prove a suo carico raccolte in fase di indagine dai carabinieri del Nucleo investigativo, avrebbe abusato della giovane approfittando del suo ruolo e promettendo lavori e nuovi provini.

Racconti della Vittima

La presunta vittima ha raccontato di aver incontrato il 63enne più volte. Nell’ordinanza di custodia cautelare sono quattro gli incontri finiti all’attenzione degli inquirenti. Nel primo l’uomo, dopo le "misurazioni" e prima che andasse via, l’avrebbe spinta contro la parete quando erano rimasti soli alzandogli la maglietta scoprendogli il seno "Rimasi impietrita, esterrefatta, sorpresa, imbarazzata, infastidita ma non riuscii a muovermi. “Stai tranquilla, non voglio fare niente”, mi disse lui e mi lasciò andare", è il racconto della giovane riportato oggi dal Corriere della Sera.

I Successivi Incontri

Il secondo incontro si tiene questa volta a Firenze, in un B&B e qui le "misure" vengono prese direttamente dal fotografo che, secondo la testimonianza della 18enne, l’avrebbe toccata dappertutto e nelle zone intime, costringendola a un rapporto sessuale. Il terzo incontro si svolge in una stanza di un albergo di lusso in zona Trinità dei Monti a Roma. Galli ha convocato la ragazza promettendogli uno shooting per un importante marchio. Anche questa volta il copione si ripete, come durante l’ultimo incontro svoltosi a Firenze lo scorso gennaio.

La Denuncia e le Parole della Vittima

Alla fine la ragazza decide di denunciare quell’uomo così tanto più grande di lei, di successo e che prometteva di aprirgli le porte di un universo fatto di successo e glamour. Queste le sue parole riportate sempre dal Corriere: "Non sono venuta prima per vergogna e soprattutto perché mi sento io colpevole dal momento che non ho mai reagito, per paura, o comunque ho continuato a incontrarlo. Poi ho capito che la cosa giusta era denunciare quest’uomo per quello che mi ha fatto, anche perché vorrei evitare che altre ragazze come me, prese dalla brama di fare successo in quel mondo, si possano ritrovare in queste situazioni".

Ipotesi di Altre Vittime

E potrebbe non essere l’unica giovane finita nella rete dell’uomo, ma non ci sarebbero al momento altre denunce. Secondo il gip l’uomo era bravo a "cogliere di sorpresa la vittima", facendo passare come "normali" alcuni comportamenti, per poi forzare la ragazza a rapporti sessuali grazie alla "sudditanza psicologica", dovuta alla differenza di età e alle promesse.

Fonte

Continua a leggere

Attualità

Roma Tor Bella Monaca, Deceduta la giovane Manila De Luca, 24 anni

Pubblicato

il

Giovane vittima in un tragico incidente

Per la giovane non c’è stato nulla da fare. Alla guida dell’Opel Astra che ha travolto Manila De Luca, un ragazzo di 22 anni che si è fermato a prestare soccorso.

Tragedia a Tor Bella Monaca

Tragedia ieri sera a Roma, nel quartiere di Tor Bella Monaca. Una ragazza di 24 anni a bordo di un monopattino è morta dopo essere stata investita da una macchina. L’incidente è avvenuto verso le 19.30: per la giovane, purtroppo, non c’è stato nulla da fare.

Sul posto sono intervenuti gli agenti del VI gruppo Torri della Polizia Locale per i rilievi del caso. Sono in corso accertamenti per fare luce sull’accaduto. Alla guida dell’Opel Astra che ha travolto la ragazza, c’era un giovane di 22 anni, che si è fermato a prestare soccorso. Sarà sottoposto, come da prassi, ai test per verificare l’eventuale presenza nel sangue di alcol e droga, in modo da chiarire meglio la dinamica del sinistro.

Ricordo di Manila De Luca

La vittima si chiamava Manila De Luca ed era molto conosciuta nel quartiere, dove era amata e benvoluta. Sono molte le persone sconvolte dall’accaduto e che non riescono a darsi pace per quanto accaduto alla ragazza, che lavorava in una tabaccheria in zona.

Dettagli dell’Incidente

La tragedia è avvenuta in via di Tor Bella Monaca, davanti al supermercato Pewex. La macchina si è distrutta completamente con l’impatto, mentre il monopattino è stato sbalzato a diversi metri di distanza. Uno scontro violentissimo che non ha lasciato scampo alla ragazza, morta praticamente sul colpo. Inutili i tentativi dei sanitari del 118 di rianimarla, le ferite riportate nello schianto erano troppo gravi.

Indagini sulla dinamica del sinistro

Al momento la dinamica dell’incidente non è ancora chiara. I caschi bianchi dovranno chiarire se la macchina sia passata con il rosso oppure con il verde, e la velocità a cui stava procedendo. A tal fine sarà ascoltato il conducente della vettura, i testimoni, e saranno vagliate eventuali telecamere di sorveglianza presenti nella zona. Fonte

Continua a leggere

Attualità

La terza volta in due mesi. Profanata ancora la tomba di Berlinguer

Pubblicato

il

Denuncia di Bianca Berlinguer

Vandalizzata ancora una volta la tomba di Enrico Berlinguer a Prima Porta. A denunciare l’accaduto sui social network la figlia Bianca: “Gesto dal contenuto politico”.

La Tomba Vandalizzata

La tomba vandalizzata per la terza volta nella foto di Bianca Berlinguer e, a destra, Enrico Berlinguer.

Una Ripetizione di Vandalismi

È successo ancora. La tomba di Enrico Berlinguer è stata vandalizzata di nuovo. “Per la terza volta nell’arco di appena due mesi la tomba di nostro padre, nel cimitero di Prima Porta, è stata profanata, sei giorni dopo l’anniversario della sua morte – ha scritto la figlia Bianca Berlinguer, dandone notizia sui social network con un messaggio che porta anche la firma dei fratelli Maria, Marco e Laura – L’azione vigliacca di alcuni mascalzoni rivela che non si tratta dell’atto di uno squilibrato, bensì di un gesto dal contenuto chiaramente politico. Ci auguriamo che vengano adottate le necessarie misure per evitare ulteriori oltraggi”.

La Terza Volta in Due Mesi

Come scrive la stessa Bianca Berlinguer, non è la prima volta che accade. Si tratta della terza volta in appena due mesi. “Nei quarant’anni dalla morte di papà la sua tomba è sempre stata piena di fiori portati da tante persone che si sono fermate per un pensiero e un omaggio. E questo è sempre stato per noi figli un grande conforto – scriveva lo scorso 13 maggio – Nell’ultimo mese la tomba è stata per due volte vandalizzata da qualcuno (una o più persone): vasi distrutti, fiori buttati e aiuole calpestate. Un atto vigliacco e ignobile”.

E oggi, a distanza di poco più di un mese, ancora una volta, come mostra la foto in apertura, i vasi sono stati rotti.

Le Reazioni Politiche: Nicola Fratoianni

Non appena appreso dell’accaduto, è arrivato il commento di Nicola Fratoianni, anche in questo caso affidato ai social. “È chiaro che non si tratta di un gesto individuale, ma di un atto politico. Possibile che nessuno abbia fatto in modo che questo scempio non si ripetesse? – si chiede – Ora, perché non succeda più e perché i responsabili siano individuati e puniti ci aspettiamo che le autorità si attivino immediatamente. Per questo presenterò un’interrogazione parlamentare al ministro dell’Interno”, aggiunge.

“La memoria e il testamento politico di Enrico non potranno mai essere scalfiti, perché vivono nel cuore del popolo italiano”, conclude poi.

Fonte

Continua a leggere

Attualità

Bambina di 7 anni cade dalla finestra del bagno di casa: soccorsa dall’eliambulanza

Pubblicato

il

Bambina cade dalla finestra e viene ricoverata in ospedale

Una bambina di sette anni è caduta dalla finestra del bagno di casa sua questa mattina a Sgurgola, in provincia di Frosinone. Fortunatamente, nonostante il grave incidente, la piccola non rischia di morire. È stata soccorsa urgentemente con un’eliambulanza.

Dinamica dell’incidente

La bambina si trovava nel bagno dell’appartamento dove vive insieme ai genitori, quando è precipitata dalla finestra intorno alle ore 7 di oggi, lunedì 17 giugno. Le cause della caduta sono ancora in corso di accertamento, ma si presume possa essere avvenuto a causa di un momento di disattenzione degli adulti presenti in casa. Il volo di diversi metri le ha causato ferite significative.

Immagine di repertorio

Soccorso rapido ed eliambulanza

L’incidente è stato subito segnalato con una chiamata al Numero Unico delle Emergenze 112. Dato il tipo di incidente e l’età della bambina, si è deciso per un rapido intervento mediante eliambulanza. Il personale sanitario intervenuto ha preso in carico la piccola, che è stata immediatamente trasferita con l’elicottero al Policlinico Agostino Gemelli di Roma.

Arrivo al pronto soccorso e indagini

Una volta giunta al pronto soccorso del Gemelli, la bambina è stata affidata alle cure dei medici, che l’hanno sottoposta a tutti gli accertamenti necessari. I carabinieri della stazione territoriale sono arrivati sul posto per svolgere gli accertamenti di rito e ricostruire la dinamica dell’incidente, ascoltando anche alcune testimonianze.

Supporto della comunità e delle autorità

Sul luogo dell’incidente è arrivato anche il sindaco di Sgurgola, Antonio Corsi, che ha offerto il suo supporto alla famiglia colpita dall’accaduto.

Fonte

Continua a leggere

Attualità

Previsione del picco di temperatura di 40 gradi

Pubblicato

il

L’Arrivo del Caldo a Roma

A Roma Capitale sono previsti 40 gradi nel corso della settimana che va dal 17 al 23 giugno 2024, a causa dell’arrivo dell’anticiclone africano Minosse.

La Prima Ondata di Caldo Africano

In arrivo la prima, vera ondata di caldo africano a Roma. Nella Capitale sono previsti 40 gradi nel corso della settimana che va dal 17 al 23 giugno 2024. L’anticiclone africano Minosse, così è stato ribattezzato dagli esperti del sito IlMeteo.it, porterà tanto sole e caldo molto intenso. Nella tarda serata di venerdì 21 potrebbe arrivare aria fredda da Nord che potrebbe bucare l’anticiclone. Ma su questo i meteorologi sono ancora incerti e occorrerà aspettare qualche giorno per avere conferme in tal senso.

Il Picco di 40 Gradi a Roma

Quel che è certo è che il caldo arriverà. E quali saranno le giornate da segnare con il bollino rosso a Roma? Secondo gli esperti saranno soprattutto quelle di mercoledì, giovedì e venerdì (anche se nella serata di venerdì le temperature potrebbero raffreddarsi un po’). La giornata in cui si osserverà il picco di 40 gradi nelle ore più calde della giornata è quella di giovedì 20 giugno 2024. Tutti i modelli prevedono le massime intorno ai 40 gradi nella Capitale. Il caldo vero comincerà ad arrivare a partire da martedì e si intensificherà via via nel corso della settimana. Da capire, come detto, cosa accadrà nel prossimo weekend.

Secondo quanto si legge sul sito IlMeteo.it, questa settimana “il caldo sarà protagonista indiscusso con temperature che, soprattutto da metà settimana, potranno superare anche la soglia dei 40°C sulle due Isole Maggiori con picchi fino a 42/43°C. Tanto caldo anche sulle regioni del Centro dove sono previsti 39-40°C a Roma, Napoli, Terni, Forlì, Macerata e Firenze. Qualche grado in meno invece al Nord dove, tuttavia, ci penserà il fenomeno dell’afa a rendere più pesante la percezione del caldo”.

Previsioni Meteo Roma e Lazio 14 Giugno: Sole e Caldo

Come anticipato, nella giornata di venerdì “l’anticiclone potrebbe venire “bucato” dall’arrivo di correnti d’aria fresche e instabili in discesa dal Nord Europa che andrebbero poi ad interagire con le masse d’aria molto calde e umide trasportate sul bacino del Mediterraneo dall’anticiclone africano”.

Fonte

Continua a leggere

Attualità

Incidente tra auto e moto nella valle del Liri: morto 40enne

Pubblicato

il

Incidente Mortale sulla Strada Regionale Valle del Liri

Stando a quanto si apprende, intorno alle 16:30 si sono scontrate una Jeep Compass condotta da un 54enne e una Ducati 916 guidata da un 40enne di Strangolagalli. Quest’ultimo è morto praticamente sul colpo.

Dinamica dell’Incidente

L’incidente mortale è avvenuto nel primo pomeriggio di oggi, domenica 16 giugno 2024, sulla strada regionale Valle del Liri, in provincia di Frosinone, nella zona di Colle Ponte, nel territorio del comune di Pico. Intorno alle 16:30, una Jeep Compass guidata da un 54enne e una Ducati 916 condotta da un 40enne di Strangolagalli si sono scontrate. Il motociclista è deceduto praticamente sul colpo.

Tentativi di Soccorso

Nonostante i soccorsi siano arrivati immediatamente sul posto, il 40enne motociclista è morto. I sanitari del 118 hanno tentato in tutti i modi di salvargli la vita, ma tutte le manovre si sono rivelate vane. Secondo quanto si apprende, quel tratto di strada è caratterizzato da molte curve ravvicinate. Dopo l’impatto, il motociclista ha fatto un volo e ha sbattuto violentemente contro l’asfalto.

Intervento delle Forze dell’Ordine

Sul posto sono intervenuti i carabinieri del nucleo Radiomobile di Pontecorvo. Sono loro ad aver effettuato i rilievi del caso e, in queste ore, si stanno occupando della ricostruzione della dinamica dell’incidente per accertare eventuali responsabilità. Le condizioni di salute del conducente della Jeep sono sconosciute, ma non dovrebbe aver riportato ferite gravi.

Fonte

Continua a leggere

Attualità

Addio a Giovanni Giulio Lapia, carabiniere di 31 anni deceduto in un incidente in moto

Pubblicato

il

Funerali del Carabiniere Giovanni Giulio Lapia

Ieri si sono svolti i funerali di Giovanni Giulio Lapia, un carabiniere di 31 anni residente a Fiumicino. Prestava servizio al Comando di Torrimpietra ed è morto giovedì scorso a causa di un incidente su via Aurelia. Lapia viaggiava in sella alla sua moto quando, per ragioni ancora da chiarire, si è schiantato contro un’auto.

L’Incidente su Via Aurelia

Giovanni Giulio Lapia era in servizio presso il Comando dei carabinieri di Torrimpietra. Ha perso la vita in un incidente avvenuto nel pomeriggio del mercoledì precedente, su via Aurelia all’altezza del chilometro 56,500, nel territorio di Santa Marinella. Mentre viaggiava in moto, si è scontrato con un’auto che procedeva nella direzione opposta.

Dinamica dell’Incidente e Primi Soccorsi

Nell’impatto frontale, violentissimo, Lapia è stato sbalzato dalla sua moto, riportando gravi ferite. Il personale sanitario del 118 lo ha immediatamente soccorso, eseguendo le operazioni di rianimazione sul posto. Successivamente, è stato trasportato d’urgenza in elicottero al Policlinico Gemelli di Roma. Purtroppo, è deceduto dopo 24 ore a causa delle lesioni troppo gravi.

Vita e Carriera di Giovanni Giulio Lapia

Giovanni Giulio Lapia era originario di Acerra. La sua famiglia si era trasferita a San Giorgio del Sannio, comune in provincia di Benevento, quando era ragazzo. Nel 2018, Lapia si era trasferito a Fiumicino per motivi di servizio. Era figlio "d’arte", con il padre anche lui carabiniere. Ieri è stato salutato da parenti, familiari e amici durante le esequie tenutesi nella chiesa di San Giorgio.

Investigazione sull’Incidente

In relazione all’incidente, è stato aperto un fascicolo per stabilire eventuali responsabilità. L’automobilista coinvolto, uscito quasi illeso dall’incidente, è stato sottoposto agli esami di rito. Da quanto si apprende, è risultato negativo agli esami per l’utilizzo di sostanze stupefacenti e alcol.

Fonte

Continua a leggere

ARTICOLI PIU'LETTI DELLA SETTIMANA