Seguici sui Social

News

Via i cellulari durante le lezioni. Solo 4 nazioni vietano l’uso

Pubblicato

il

Restrizione sull’uso di cellulari e tablet in scuole elementari e medie

Vietato l’uso dei cellulari durante le lezioni in molte nazioni

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, ha annunciato l’eliminazione di telefoni e tablet nelle scuole d’infanzia, elementari e medie. Questa decisione è stata anticipata nel corso di un’intervista rilasciata al quotidiano “Il Foglio”.

Secondo il Ministro, proteggere il corpo docente significa difendere il principio dell’autorità, fondamentale sia per il sistema scolastico che per quello democratico. Le nuove linee guida faranno riferimento specifico all’opportunità di precludere l’uso di cellulari e tablet nelle scuole d’infanzia, elementari e medie. Il divieto di utilizzo dei cellulari nelle scuole risale al 2007, ma con le prossime linee guida, si intende estenderne l’applicazione. Allo stesso tempo, le linee guida permetteranno l’utilizzo di dispositivi elettronici a scopo didattico e formativo, in particolare nell’ambito del Piano Nazionale Scuola Digitale e degli obiettivi di “cittadinanza digitale”.

Questo cambio di direzione è finalizzato a ridurre le tensioni e potenziali conflitti legati all’uso improprio dei dispositivi mobili e facilitare un contesto di apprendimento più concentrato e responsabile. Il Ministro ricorda che l’UNESCO ha già raccomandato il divieto di utilizzo di smartphone nelle classi. Secondo l’UNESCO, l’utilizzo eccessivo o improprio dei telefonini rappresenta un fattore di distrazione che influisce negativamente sul rendimento scolastico, instaura tensioni tra studenti e docenti e impatta negativamente sulla memoria e concentrazione degli studenti. Solo meno di un quarto dei paesi vieta l’uso degli smartphone nelle scuole.

Il Ministro sostiene che questa decisione è in linea con il desiderio di promuovere un ambiente di apprendimento più concentrato e responsabile. Gli studenti saranno incoraggiati ad utilizzare tablet a scopo didattico, ma si prevede di vietare l’uso dei dispositivi elettronici in modo da limitare le distrazioni durante le lezioni.

Il divieto di utilizzo dei cellulari nelle scuole risale al 2007, ma con le prossime linee guida, si intende estenderne l’applicazione. Allo stesso tempo, le linee guida permetteranno l’utilizzo di dispositivi elettronici a scopo didattico e formativo, in particolare nell’ambito del Piano Nazionale Scuola Digitale e degli obiettivi di “cittadinanza digitale”.

Il Ministro invita il personale scolastico e i dirigenti a contrastare utilizzi impropri o non consentiti di tablet e cellulari. France, Svezia, Finlandia e Olanda hanno già imposto un divieto simile.

Fonte: [Il Messaggero](https://www.ilmessaggero.it/scuola/telefoni_scuola_divieto_cellulari_tablet_elementari_medie_valditara-7951494.html)

News

Aumento del prezzo dei biglietti. L’autobus arriva a 2 euro a Roma: Per il sindaco è “Necessario”

Pubblicato

il

Aumento del prezzo dei biglietti

Annuncio dell’aumento del prezzo dei biglietti a Roma

Il sindaco Gualtieri ha annunciato che il costo dei biglietti Bit per la Metro e i bus a Roma aumenterà da 1,5 a 2 euro. Secondo Gualtieri, questa rimodulazione è necessaria date le risorse attuali dedicate al trasporto pubblico, ma verrà compensata da una riduzione del costo degli abbonamenti.

Dettagli dell’aumento dei biglietti Bit

Sembra che l’aumento del prezzo dei biglietti Bit sia necessario, ciò viene deciso non dal Campidoglio, ma dalla Regione Lazio. Quest’ultima, tramite una delibera di giunta, deve convalidare le modifiche proposte nei piani aziendali di Metrebus, Trenitalia e Cotral. Questi cambiamenti avverranno a partire da luglio 2024.

Ulteriori dichiarazioni di Gualtieri sull’aumento dei biglietti

Il sindaco Gualtieri ha insistito sulla necessità di questa rimodulazione, affermando che sarà compensata con una riduzione del costo degli abbonamenti. Il Comune di Roma ha chiesto più risorse nazionali per il trasporto pubblico locale, e in base alle risorse disponibili, la Regione Lazio deciderà le tariffe.

Come rivelato anche dall’assessore capitolino ai Trasporti, Eugenio Patanè, il Comune di Roma ha richiesto un aumento della quota del Fondo Nazionale Trasporti destinata alla Capitale, ritenuta insufficiente. Intanto però gli autobus prendono fuoco come stamattina.

Discussioni sull’incremento delle tariffe

Nell’eventualità di un aumento del prezzo dei biglietti a Roma, Patanè ha affermato che l’incremento non dovrebbe ricadere sui cittadini romani e sui pendolari, ma su coloro che utilizzano occasionalmente il trasporto pubblico. Sottinteso: il costo del biglietto Bit può aumentare, ma il costo degli abbonamenti deve essere ridotto. Il consigliere regionale del Pd, Massimiliano Valeriani, ha presentato un’interrogazione per “scongiurare l’incremento del costo dei biglietti del sistema Metrebus“.

Richieste di evitare aumenti delle tariffe

Secondo l’ex assessora ai Trasporti di Virginia Raggi e capogruppo M5s in Campidoglio, Linda Meleo, l’aumento del prezzo dei biglietti a Roma dovrebbe essere evitato a tutti i costi, soprattutto in un periodo delicato come questo. Meleo ritiene che sia necessario promuovere la mobilità sostenibile piuttosto che scoraggiarla e chiede alla Regione Lazio di intervenire a tutela dei cittadini, in particolare delle fasce più deboli.

Fonte

Continua a leggere

News

Sindacato chiede applicazione contratto nazionale per bagnini sfruttati nel Pontino

Pubblicato

il

Turismo stagionale e condizioni lavorative: La situazione a Terracina

La bella stagione non porta soltanto relax e vacanze, ma diventa anche un momento cruciale per l’apertura di molti posti di lavoro. Tuttavia, per molti lavoratori, questi impieghi possono risultare poveri e sottopagati.

Il Litorale Pontino e la questione del lavoro

Il litorale pontino, a partire da Terracina, è già preso d’assalto dai turisti durante i fine settimana, e a breve riapriranno tutti gli stabilimenti balneari. Questo offre una possibilità lavorativa importante, principalmente per i bagnini. Tuttavia, secondo la denuncia del sindacato, questi lavoratori sono spesso sfruttati.

Lo sfruttamento nei contratti turistici

“Lo sfruttamento consiste nella mancata e corretta applicazione del contratto nazionale del turismo, con paghe orarie differenti rispetto a quelle previste dalle tabelle”, spiega Gianfranco Cartisano, segretario Uiltucs di Latina. La Uil si appella ai comuni affinché nei bandi di gara per il servizio di assistenza bagnanti tengano conto del contratto nazionale. Si tratta di situazioni di lavoro povero che si ripetono da molti anni.

Le retribuzioni dei bagnanti

“La paga di un assistente bagnante che lavora 5 ore al giorno si aggira sui 1.050 – 1.100 euro. Qui invece noi siamo sugli 800 euro per chi ha più anzianità, sui 700 per i giovani.” Questa vertenza è arrivata all’Inps, e riguarda tutti coloro che lavorano nel settore del turismo, nelle località balneari dell’intero Lazio. Fonte

Continua a leggere

News

Elly Schlein capolista Pd circoscrizione Centro con Zingaretti al secondo posto

Pubblicato

il

Capolista del Partito Democratico per l’elezione del Parlamento Europeo

Elly Schlein sarà la capolista del Partito Democratico nella circoscrizione Centro-Italia per l’elezione del Parlamento Europeo. A seguirla in lista seguita Nicola Zingaretti, ex segretario nazionale ed ex presidente della Regione Lazio, attualmente deputato.

Annuncio ufficiale e composizione delle liste

L’ufficialità è arrivata questa mattina nel corso direzione nazionale a Roma. Secondo la segretaria Schlein, la composizione delle liste Dem è stata pensata in modo da unire le istanze presenti nella società e tra la popolazione con la proposta di dirigenti e amministratori di comprovate qualità e capacità, allo stesso tempo valorizzando i territori.

Elly Schlein e il suo ruolo come deputata

Elly Schlein ha affermato che resterà a fare la deputata a Montecitorio, lavorando in parallelo con Giorgia Meloni. Schlein ha espresso la speranza di poter eleggere tutta la squadra Dem per lavorare attivamente in Europa.

Altri membri della lista del Partito Democratico

Nella lista compaiono altri nomi di spicco come l’eurodeputata Camilla Laureti, l’ex direttore di Avvenire Marco Tarquinio, il sindaco di Firenze Dario Nardella, il sindaco di Pesaro Matteo Ricci, la ex deputata Alessia Morani, le eurodeputate Daniela Rondinelli e Beatrice Covassi, e Umberto Insolera, Marco Paciotti e Antonio Mazzeo.

Nicola Zingaretti e l’accettazione della proposta di Elly Schlein

Nicola Zingaretti ha dichiarato di aver accettato la proposta di Elly Schlein poiché vede la necessità di accettare la sfida di cambiare l’Europa in vista delle elezioni europee. La sua intenzione è quella di rappresentare la sua terra, il Lazio, poiché l’Europa è il luogo in cui sarà determinato anche il futuro del suo territorio.

Dettagli sulle elezioni europee

Le elezioni europee si terranno l’8 e il 9 giugno, con un sistema proporzionale e una soglia di sbarramento del 4%. Saranno ammesse fino a 3 preferenze, purché venga rispettata l’alternanza di genere. La circoscrizione Centro è composta dal Lazio, Marche, Toscana e Umbria.

Fonte

Continua a leggere

News

Previsioni meteo Roma e Lazio 21 aprile 2024: in arrivo pioggia. Video

Pubblicato

il

Previsioni Meteo Roma

Previsioni Meteo per Roma e Lazio

Previsioni meteo – Che tempo fa oggi a Roma e nel Lazio: temperature rigide e sole, temporali in arrivo da martedì. Ecco le previsioni per domenica 21 aprile 2024.

Sole e qualche nuvola. Una tregua rispetto al ritorno dell’inverno che si prospettava per questa seconda metà di aprile? Non ancora. E lo dimostrano le temperature rigide di questi giorni, comprese fra una minima di 2 gradi centigradi attesa a Rieti e una massima di 18 a Frosinone, Latina e Roma.

Condizioni Meteo a Roma

A Roma, in cui oggi si festeggiano i Natali della città, il meteo regala una giornata splendida, ma fredda. Per l’intera di oggi è previsto bel tempo, con cielo terso privo di nuvole e il sole, precipitazioni assenti e vento fra il debole e il moderato. Le temperature, come anticipato, sono comprese fra la massima di 18 gradi e una minima di 7, attesa soltanto nelle prime ore della mattina.

Condizioni Meteo nelle Province del Lazio

Come scrive il sito del Colonnello Giuliacci, esclusa qualche nuvola nel Frusinate, il cielo è limpido ovunque e mostra il sole. A Rieti il termometro, come anticipato, tocca la minima di 2 gradi centigradi, a Viterbo di 3: in entrambi i casi la massima, invece, è di 16 gradi centigradi. Nel tardo pomeriggio nei settori più appenninici del Reatino compare qualche nuvola, mentre nelle zone della Tuscia le nubi arrivano soltanto in tarda serata. Si tratta di un breve assaggio di ciò che vedremo nei giorni successivi: lunedì nuvoloso e un martedì piovoso, con precipitazioni anche a carattere di temporale, soprattutto a Rieti.

Previsioni Meteo a Roma e Lazio mercoledì 10 aprile 2024

Pioggia a partire da martedì anche a Latina, da mercoledì a Frosinone: entrambi le province, però, in questa domenica si salvano. Sole per tutto il giorno nel capoluogo pontino, dove il termometro si muove fra i 6 e i 18 gradi centigradi. Qualche nuvola, dal tardo pomeriggio, anche in Ciociaria dove, invece, le temperature sono comprese fra i 5 e i 18 gradi.

clicca qui per il reel col Colonnello Giuliacci sulle ultime per le previsioni meteo a Roma.

Fonte

Continua a leggere

News

Natale di Roma: perché il 21 aprile si celebra il compleanno della Città Eterna

Pubblicato

il

2777 anni dalla fondazione di Roma

Oggi, domenica 21 aprile, Roma festeggia il suo 2777 compleanno. Questa ricorrenza, che si celebra ogni anno, ricorda la fondazione della città, avvenuta, secondo la tradizione, il 21 aprile 753 a.C.

Festa del Natale di Roma

La festa del Natale di Roma viene celebrata ogni anno nella stessa data, il 21 aprile, in onore della fondazione della Città Eterna. Nonostante il nome, questa ricorrenza non ha nessuno legame con il Natale religioso. Secondo la leggenda, Romolo avrebbe fondato la città il 21 aprile del 753 a.C. Da allora, la cronologia romana è stata tracciata a partire da questa data, definita con la locuzione latina Ab Urbe Condita, cioè “dalla fondazione della Città”. Le celebrazioni della festa sono cambiate nel corso dei secoli.

Storia della festa

Nel 1921, durante un discorso pronunciato a Bologna, Benito Mussolini proclamò l’anniversario della fondazione della Capitale come festa ufficiale del fascismo, abolendo la festività del 1 maggio e spostando la celebrazione del Lavoro al 21 aprile. Solo nel 1945 venne ripristinata la data del 1 maggio.

Significato e origini del Natale di Roma

Il Natale di Roma è una festa laica antica che celebra la fondazione della città, avvenuta, secondo la leggenda, il 21 aprile 753 a.C. Questa data, considerata quella di nascita della Capitale, ha assunto una connotazione simbolica e sacra per i cittadini romani. Secondo la tradizione, in quel giorno, Romolo tracciò con l’aratro i confini della nuova città sulle pendici del colle Palatino. Questa è la versione degli storiografi romani Livio e Varrone. L’origine del nome della città, che secondo alcuni deriverebbe da Romolo, è tuttavia avvolta nel mistero.

Festeggiamenti per il compleanno di Roma

Dal 19 al 22 aprile ci saranno quattro giorni di eventi, laboratori e visite guidate in programma nei musei civici e nei siti archeologici di Roma per festeggiare il compleanno della Capitale. Tra gli appuntamenti da non perdere ci sono le attività del gruppo storico Romano con la rievocazione di feste e spettacoli dell’antica Roma e gli incontri nei Musei Civici. Fonte

Continua a leggere

News

Lo stato d’Israele avvisa Roma e posta una foto del Colosseo con dei Missili

Pubblicato

il

Il minaccioso avvertimento dell’Iran a Israele

Il recente attacco dell’Iran a Israele non è che un preludio di ciò che le città in tutto il mondo potrebbero aspettarsi se il regime iraniano non sarà fermato. Il mondo dovrebbe riconoscere le Guardie rivoluzionarie iraniane come organizzazione terroristica e sanzionare il programma iraniano di missili balistici, prima che sia troppo tardi. Questa è l’affermazione del ministero degli esteri israeliano, sottolineata da una foto postata su X che ritrae il Colosseo mentre sta per essere colpito da sei missili.

Intensificazione della crisi tra Iran e Israele

La tensione che sta crescendo tra Israele e Iran è palpabile, con un attacco non rivendicato su soli iracheni nella città di Kalso che ha causato la morte di almeno una persona e l’ferimento di altre otto. Sospetti sull’origine dell’attacco viene negato sia da Israele che dagli Stati Uniti. Il gruppo iraniano “Resistenza Islamica” sostiene di aver attaccato un obiettivo a Eilat, nel sud di Israele, in risposta a presunte violazioni della sovranità irachena da parte di Israele.

La guerra degli avvertimenti e le tensioni tra Israele, Iran e Libano

Nonostante l’inquietudine, il ministro degli esteri iraniano afferma che non prevede ulteriori azioni a meno che Israele non intraprenda nuove azioni contro i loro interessi. Nel frattempo, Israele sta lanciando attacchi aerei contro Hezbollah, una fazione iraniana con base in Libano. Ci sono state molte vittime, compresi un numero imprecisato di feriti e diverse morti in diversi attacchi.

Ulteriori tensioni e intervento degli Stati Uniti

Un autista di un’ambulanza è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco durante uno scontro tra palestinesi e coloni a sud di Nablus. Le tensioni hanno portato il segretario di stato americano a considerare l’introduzione di sanzioni contro l’unità militare israeliana “Netzah Yehuda” per presunte violazioni dei diritti umani in Cisgiordania. Durante tutto ciò, il presidente turco esprime sostegno ad Hamas e invita all’unità dei palestinesi contro Israele.

Comunque il governo d’Israele poteva risparmiarsi questa foto, soprattutto perché non vorremmo essere noi romani a pagare per i danni creati dal governo Netanyahu.

Fonte

Continua a leggere

Calcio

Genoa vs Lazio 0-1: Luis Alberto segna il gol vittoria

Pubblicato

il

La sfida tra Lazio e Genoa

La partita di oggi pomeriggio tra Genoa e Lazio aveva aspettative elevate. Da un lato, la Lazio aspirava a mantenere elevate le sue possibilità di un piazzamento in Europa. Un’altra crucialità era arrivare in forma ottimale per la semifinale di ritorno di Coppa Italia contro la Juventus martedì prossimo. La Lazio, infatti, necessitava di recuperare due gol di svantaggio dai bianconeri per raggiungere l’ultimo round della competizione. Rappresentando la controparte, il Genoa, convinto della propria salvezza raggiunta con certezza, puntava a dare il massimo nella partita casalinga.

Primo Tempo e Sviluppo Iniziale del Match

Il primo tempo si è concluso 0-0, con un ritmo di gioco abbastanza sostenuto. Nonostante la forte pressione iniziale della Lazio, la squadra non è riuscita a creare notevoli opportunità a causa di una difesa del Genoa ben organizzata da parte di Gilardino. Sebbene i padroni di casa fossero partiti meglio, non sono riusciti a concretizzare il loro dominio sul campo. La Lazio ha avuto un’opportunità al 27′ con Felipe Anderson, ma il tiro è andato fuori di un paio di metri al di fuori del palo a destra di Martinez. Il Genoa ha provato a tirare un paio di volte all’inizio del secondo tempo, ma la migliore occasione è stata sprecata al 42′ da Ekuban. Anziché passare la palla a Gudmundsson completamente libero, ha tentato un tiro diagonale che è finito poco oltre il palo a destra di Mandas.

Sblocco della partita

Alla fine, è stata la Lazio a sbloccare il match al 67′ con un gol di Luis Alberto. Da due passi, Alberto è riuscito a battere Martinez, portando in vantaggio i biancocelesti.

Formazione delle squadre

Le formazioni ufficiali erano le seguenti:

Lazio (3-4-2-1): Mandas; Patric, Casale, Gila; Marusic, Vecino, Kamada, Lazzari; Felipe Anderson, Luis Alberto; Castellanos. Allenatore: Igor Tudor.

Genoa (3-5-2): Martinez; Vogliacco, De Winter, Vasquez; Spence, Frendrup, Strootman, Gudmundsson, Martin; Retegui, Ekuban. Allenatore: Alberto Gilardino.
Fonte

Continua a leggere

News

Salario minimo nel Lazio – Approvato all’unanimità la paga minima a 9 euro all’ora

Pubblicato

il

Intervista al consigliere regionale Alessio D’Amato

Alessio D’Amato, consigliere regionale di Azione, ha recentemente presentato una mozione che è stata approvata all’unanimità. Questa mozione impegna la giunta Rocca a rispettare un salario minimo inderogabile di 9 euro l’ora negli appalti per forniture e servizi della Regione Lazio.

Mozione per un salario minimo inderogabile

Il Consiglio regionale del Lazio ha approvato all’unanimità la mozione proposta da Alessio D’Amato. Questa prevede un salario minimo di nove euro l’ora nei contratti di appalto di lavori della regione. Il presidente Rocca e la giunta sono quindi impegnati a garantire un trattamento economico minimo inderogabile di 9 euro l’ora.

Cos’è questa mozione?

Intervistato sull’argomento, il consigliere D’Amato ha spiegato che la mozione impegna la giunta Rocca a rispettare un salario minimo inderogabile di 9 euro l’ora. Questo riguarda le gare d’appalto che la Regione Lazio organizza al fine di acquisire servizi e forniture. È un segnale importante poiché è stato approvato da tutti i gruppi politici.

L’importanza della mozione

Questa mozione rappresenta un importante progresso per la situazione dei lavoratori del Lazio. Essendo il Lazio una grande regione, all’avanguardia e politicamente rilevante, questo passo avvicina ulteriormente l’Italia al resto dell’Europa. Questo è particolarmente importante considerando che negli ultimi dieci anni, l’Italia – a differenza di altri Paesi europei – ha perso molto nel potere di acquisto dei salari, e dunque la tutela delle fasce più deboli della popolazione è cruciale.

Primo passo verso un salario minimo nazionale?

Alessio D’Amato vede questa mozione come un primo passo verso l’introduzione di un salario minimo a livello nazionale. Si tratta di una misura che risponde anche alle direttive comunitarie e serve a proteggere i lavoratori dal fenomeno del “lavoro povero”. La mozione prevede inoltre una contrattazione periodica tra organizzazioni sindacali e datoriali per monitorare continuamente la situazione.

Infine, il consigliere D’Amato si mostra soddisfatto del consenso unanime che la mozione ha ottenuto da tutte le forze politiche, un segnale forte e importante.

Ora tutti i bandi regionali riporteranno la soglia minima oraria a 9 euro

Da adesso in poi, i bandi regionali e i capitolati dovranno indicare chiaramente un salario minimo orario di 9 euro. Il consigliere Alessio D’Amato ha ribadito la sua intenzione di vigilare attentamente affinché questa disposizione venga rispettata. Non ha dubbi sulla sua attuazione, vista l’importanza dell’atto e il sostegno unanime ottenuto.

Fonte

Continua a leggere

Cronaca

Roma le moschee sono 53 ma solo 1 è riconosciuta

Pubblicato

il

Roma e l’Islam: Una Mappa delle Moschee Abusive

Roma è sempre più la capitale dell’Islam in Italia. La crescente minaccia del terrorismo di matrice islamica ha indotto il Viminale a mappare le moschee abusive presenti in città. Sono luoghi di culto spesso nascosti tra seminterrati e garage, in cui può annidarsi la radicalizzazione. In questi luoghi, infatti, si possono nascondere quei “lupi solitari”, spesso martiri della guerra santa. Nonostante l’apparenza della Grande Moschea, il principale centro culturale islamico d’Italia, molte strutture in cui i musulmani pregano sono costantemente monitorati dall’intelligence italiana.

Censimento delle Moschee Abusive

Attualmente, il censimento effettuato dai dipartimenti di sicurezza, guidati dal ministro dell’Interno Matteo Piantedosi, attesta l’esistenza di 53 moschee abusive. Un numero che risulta molto più alto rispetto alle 30 censite dieci anni fa dall’antiterrorismo. Quest’ultimo, in un dossier, aveva rivelato un numero decisamente maggiore di strutture di preghiera illegali. Grazie alle sempre più incisive investigazioni, abbiamo assistito a un raddoppio del numero di centri culturali censiti. Questo ha permesso di mettere in luce una rete di imam integralisti e predicatori di odio, pronti a indottrinare le menti dei più giovani con la dottrina fondamentalista del martirio.

Contrastare l’illegalità e il Terrorismo

Questi “bacini” di illegalità non possono più essere tollerati, soprattutto alla luce degli attentati cruenti scatenati in Europa da terroristi islamici. Per questo l’allerta delle nostre forze dell’ordine è massima, come dimostra l’arresto del super terrorista del Tagikistan Ilkhomi Sayrakhmonzoda, fermato non appena sbarcato a Fiumicino. Numerose operazioni hanno portato a sventare diversi tentativi di atti terroristici in Italia. Le indagini dell’Antiterrorismo sono proiettate a 360 gradi, includendo anche l’analisi del dark web, le intercettazioni e il controllo dei testi nelle moschee abusive.

Le 53 Moschee Abusive: Situazione e Monitoraggio

Le 53 moschee abusive di Roma sono organizzate in capannoni, garage, seminterrati, appartamenti e spesso sono illegali ma tollerate. Esse sono suddivise in base al livello di rischio di radicalizzazione terroristica: nessun rischio, mediamente a rischio e rischio maggiore. Il ministro e le forze dell’ordine monitorano costantemente almeno la metà dei centri mappati, in quanto considerati a medio o alto rischio. Il monitoraggio dei luoghi e delle persone, insieme ad altri strumenti di controllo e prevenzione, rappresenta oggi uno dei principali strumenti per contrastare la radicalizzazione e il terrorismo.

Fonte

Continua a leggere

News

Ilaria Salis candidata Avs: Ma secondo voi è normale una cosa del genere?

Pubblicato

il

L’Alleanza Verdi e Sinistra (Avs) ha presentato la candidatura di Ilaria Salis. Che cosa cambia ora per lei? Cosa stabiliscono le regole e quali sono i precedenti in merito rispetto a questo tipo di situazioni, a partire dal caso Tortora al più recente riconoscimento di immunità a un deputato detenuto in Polonia

Il Caso di Enzo Tortora e Ilaria Salis

Con le dovute proporzioni e distinzioni, pare di fare un tuffo nel passato di quarant’anni, o anche di quarantuno, a seconda del paragone che si considera più pertinente. Nel giugno del 1984, Enzo Tortora, all’epoca agli arresti domiciliari in attesa di giudizio, venne candidato al Parlamento Europeo dal Partito Radicale. Le accuse mosse a Tortora furono contestate dal partito, in quanto ritenute infondate e costruite grazie ai pentiti di Camorra e al trattamento mediatico che gli fu riservato, il quale aveva destato scalpore. In seguito, Tortora fu rilasciato grazie all’immunità acquisita al momento della sua elezione.

Un parallelo con Ilaria Salis

Il fatto che Ilaria Salis sia stata candidata non riguarda in alcun modo il merito delle accuse. Piuttosto è un modo di denunciare quello che viene considerato un ingiusto periodo di custodia cautelare che si protrae da quattordici mesi. Tuttavia, rimangono domande irrisolte sul cosa accadrà ora a Ilaria Salis, attualmente sotto processo in Ungheria.

Possibili conseguenze dell’eventuale elezione di Ilaria Salis

La candidatura di Ilaria Salis in sé cambia poco, dal momento che la docente dovrebbe attendere in prigione l’esito delle elezioni. In caso di elezione, il Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea prevede espressamente che le persone elette a Strasburgo beneficiano dell’immunità in ogni altro Stato membro.

Approfondimento sul caso dell’eurodeputato catalano Oriol Junqueras Vies

Nel caso dell’eurodeputato catalano Oriol Junqueras Vies, al quale nel 2019 i giudici spagnoli avevano negato la scarcerazione, la Corte di giustizia europea ribadì che “l’immunità comporta la revoca della misura di custodia cautelare imposta alla persona interessata”.

Fonte

Continua a leggere

ARTICOLI PIU'LETTI DELLA SETTIMANA