Seguici sui Social

Ciao, cosa stai cercando?

Cronaca Roma

Ultime Notizie Roma

L’Arma dei Carabinieri presenta Apincittà: ecco di cosa si tratta


PUBBLICITA

L’Arma dei Carabinieri presenta Apincittà: ecco di cosa si tratta.

L’Arma dei Carabinieri presenta Apincittà. Un progetto innovativo, in collaborazione con gli apicoltori italiani, con al centro le api. Che saranno utilizzate per controllare la qualità dell’aria respirata nella Capitale.

L’ANALISI DI…

Il monitoraggio coinvolgerà numerose realtà sparse per il territorio capitolino. Che agiranno in una rete di 12 postazioni in cui sono presenti gli alveari oggetto della sperimentazione. Dai dati ottenuti sulla qualità del miele, della cera ma anche sullo stato di salute delle api, si determinerà la presenza di metalli pesanti nell’aria.

ADESIONI

Prendendo le mosse da due postazioni, Apincittà crea un network capillare, impiantando alveari in punti strategici. Il primo apiario, attivo già dal 1980 a Palazzo Della Valle, è quello della Federazione apicoltori italiani. L’altro apiario ha invece sede nel comando CUFA dell’Arma dei Carabinieri. Già numerose però le adesioni.

Largo Argentina, Apiario sperimentale Fai di via Veneto, il comando Carabinieri CUFA di villa Borghese, il Bioparco di Roma, la residenza dell’ambasciatore britannico in via di Vigna Murata, la cooperativa sociale agricola Garibaldi a Garbatella, gli Orti Urbani di Roma Capitale in via Anagnina, l’apiario di via Casilina, l’Aps Fiore del deserto ed il Comitato Mura Latine. Quest’ultimo aveva lanciato un simile proposito già lo scorso marzo.

ASPETTO PEDAGOGICO

Apincittà ha però anche un aspetto strettamente pedagogico. L’intento dell’Arma dei Carabinieri e la Federazione degli apicoltori, insieme al Comune di Roma, è infatti creare un modello di apicultura didattica per la biodiversità urbana. Avvicinare cittadini e scolaresche agli alveari, per vedere da vicino all’opera le 50mila api che formano una centralina di biomonitoraggio.

RISULTATI E SPERANZE

Dalle prime postazioni sono arrivati già dei buoni risultati.”La presenza di metalli pesanti nel centro di Roma e’ inferiore a quella riscontrata in zone periferiche di Roma. E in particolare, i livelli di piombo e cadmio rilevati dall’alveare di Largo Argentina sono inferiori a quelli trovati in alcune zone dei Castelli romani” ha spiegato il presidente della FederApicoltori Raffaele Cirone. Cui ha fatto eco Edgar Meyer, consulente dell’assessorato all’ambiente di Roma Capitale: “Apincittà sarà utile dal punto di vista ambientale. Poi ci interessa la sensibilizzazione e l’educazione dei cittadini alla biodiversita’ urbana. Dall’apicoltura all’apicultura, perchè vogliamo portare anche le scuole in questi luoghi“.

LEGGI ANCHE LE ULTIME SULLO ‘STADIO DELLA ROMA’

DIVENTA NOSTRO FOLLOWER ANCHE SU FACEBOOK

Ti potrebbe interessare

Ultime Notizie Roma

Il cordoglio da parte dell’Arma dei Carabinieri Il cordoglio da parte dell’Arma dei Carabinieri – Questa notte, l’Arma dei Carabinieri, ha perso uno dei...

Cronaca

ROMA La sindaca Raggi su Ostia. La Prima Cittadina capitolina commenta l’operazione svolta dalle Forze dell’Ordine sul litorale romano. La sindaca Raggi su Ostia sul...

Ultime Notizie Roma

Uno sguardo di troppo e ora rischia la vita – All’interno di una paninoteca un ragazzo accoltella un uomo al fianco Uno sguardo di...

Pubblicità