Seguici sui Social

Ultime Notizie

OSTIA la Raggi e Toninelli presenti ieri per parlare delle spiagge libere

Pubblicato

in

roma raggi


Dopo aver aperto sul Tevere la spiaggia libera, è il momento di riportare le libere anche ad Ostia la Raggi e Toninelli pronti a parlare

Nella giornata di ieri, ad Ostia la Raggi e Toninelli si sono presentati per parlare delle spiagge libere. Le parole di Toninelli: “Le spiagge sono di tutti. Il mare è di tutti. E ciascuno ha diritto a fruirne liberamente, nel rispetto delle regole e anche delle prerogative dei concessionari che generano ricchezza grazie al demanio marittimo. La legalità, però, non ammette deroghe. Nessun abuso sarà più tollerato. E con il Movimento 5 Stelle al governo si sta cambiando musica anche sui nostri splendidi litorali”.

Queste invece le parole del sindaco Raggi: “Dopo anni di cattiva gestione stiamo riportando le spiagge libere ad Ostia. E così anche la legalità”.La sindaca però sull’approvazione del PUA cerca di sviare l’argomento, sono stati molti i cittadini che hanno dato contro ai due politici rei, di non aver ancora abbattuto muri e chioschi all’interno del mare in modo tale da mostrare la bellezza a tutti. 

Il consigliere del X  Athos De Luca ha cercato un confronto con Toninelli e Raggi: “La Sindaca in due anni e mezzo non ha fatto ancora rispettare la sua ordinanza balneare che prevede la realizzazione di accessi al mare ogni 300 metri, la piena visibilità del mare, l’abbattimento di muri e barriere che impediscono l’accesso al mare e non fanno controlli negli stabilimenti sulla piaga del lavoro nero diffuso all’80 %”.
SEGUICI SU FACEBOOKDECRETO MILLEPROROGHE SI DEL SENATO


 

 

 

 

Pubblicità

Ultime Notizie

COVID 19 Manifestazione dei ristoranti a Roma il 2 novembre

Pubblicato

in

COVID 19 Manifestazione dei ristoranti


COVID 19 Manifestazione dei ristoranti che scenderanno in piazza per protestare contro il decreto

COVID 19 Manifestazione dei ristoranti – A seguito del nuovo decreto che vede la chiusura anticipata alle ore 18.00 dei ristoranti, pub, bar… e tutte le categorie che prevedono un consumo di cibo o bevande, queste categorie, decidono di scendere in piazza per manifestare. L’associazione Italian Hospitality Network, ha divulgato una nota per rendere maggiori dettagli circa questa manifestazione:

LA RICHIESTA DELL’ASSOCIAZIONE

“Nata nella primavera 2020 per portare avanti le istanze di oltre 400 realtà tra enoteche, bar, ristoranti e mescite certificate, la rete Italian Hospitality Network, che già a maggio aveva proposto la prima manifestazione pacifica, scende in piazza, nel rispetto delle regole, il 2 novembre alle 11 a Piazza del Popolo a Roma per portare avanti le sue proposte, per concertare con istituzioni e governo soluzioni costruttive che tutelino tutti: la salute, ma anche il lavoro, specialmente di un’industria come quella della ristorazione, dell’ospitalità e della cultura. Una serie di flash mob pacifici e dimostrativi si svolgeranno in alcuni luoghi nevralgici della Capitale, rigorosamente alle 18”.

CONTINUA

“Noi rappresentiamo la parte sana di un settore troppo a lungo demonizzato. Vogliamo costruire, non distruggere. Per questo ci discostiamo categoricamente dalle violenze di piazza e dai tafferugli. Vogliamo poter essere ascoltati seriamente, in maniera costruttiva, e non vogliamo subire strumentalizzazioni politiche. A maggio ci siamo uniti in Italian Hospitality Network per lanciare un appello alle istituzioni e proporre alternative per riprendere l’attività in sicurezza, mettendo in luce il valore sociale e comunitario che da sempre in Italia caratterizza enoteche, cocktail bar, ristoranti e mescite. Ristoranti, cocktail bar, produttori, vignaioli, birrai, promotori di eventi, lavoratori del mondo dello spettacolo e della nightlife rischiano letteralmente di sparire sotto i colpi di una crisi della quale non si vede la fine. Durante la manifestazione a Montecitorio di domenica scorsa una nostra delegazione è stata convocata dal premier Conte. Aiuti sono stati promessi, ma come già successo in passato, oggi non sembrano sufficienti o accessibili a tutti. Da qui la manifestazione del 2 novembre dal titolo “Ora Basta!” e lo stato di agitazione permanente”.

 

Continua a leggere

ARTICOLI PIU'LETTI DELLA SETTIMANA