CIVITA CASTELLANA Operazione ‘Discovery’: lavoro in nero e irregolari. Scoperti 53 lavoratori in nero e 18 irregolari in prov. di Viterbo.

Operazione ‘Discovery’: lavoro in nero e irregolari. Si è conclusa l’operazione condotta dai finanzieri della compagnia di Civita Castellana impegnati in una intensa attività di contrasto al lavoro sommerso. Coinvolte numerose attività commerciali di Civita Castellana, Nepi e Fabrica di Roma.

La nota della finanza: “Lo scenario emerso è il seguente: su un totale di 22 attività commerciali controllate e un numero complessivo di 131 lavoratori identificati, sono stati scoperti 71 lavoratori in nero e/o irregolari ed effettuate 12 proposte di sospensione attività. Una percentuale di lavoratori irregolari pari al 54% del totale. Un dato che evidenzia l’ampia diffusione del fenomeno del lavoro sommerso, con particolare riferimento a quello relativo all’impiego di manodopera in nero”. Gli interventi mirano a tutelare la sicurezza e l’incolumità dei lavoratori e permettere il riconoscimento dei diritti previdenziali, assicurativi e contributivi degli stessi. 12 le proposte di sospensione attività e relative sanzioni erogate per un totale di 24mila euro.

LASCIA UN ‘LIKE’ ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

Ti potrebbe interessare