Seguici sui Social

Cronaca

ROMA Manuel Bortuzzo — L’appello del padre: “Chi ha visto parli”

Pubblicato

in



ROMA Manuel Bortuzzo — Questa mattina, il del 20enne ferito da un colpo di pistola nella notte tra sabato e domenica ha lanciato un per far luce sull’accaduto

ROMA Manuel Bortuzzo — L’appello del padre del nuotatore: “Chi ha visto parli! Mi auguro che chiunque abbia visto qualcosa faccia la scelta giusta e riferisca alla polizia, aiutando così gli agenti nelle indagini del caso. Due persone hanno sparato all’impazzata a bordo di uno scooter colpendo un ragazzo totalmente estraneo alle loro vicende, e trovo che sia assurdo. Bisogna fermare questi soggetti — ha chiosato il padre del ragazzo ai microfoni di ‘Chi l’ha visto 11.30’— e fare in modo che episodi del genere non si verifichino più. Ho quattro figli, tutti nuotatori. Sono riuscito a introdurre mio figlio Manuel nel mondo dello sport e adesso fa parte del Centro Olimpico di Roma. Ho sempre cercato di toglierli dalla strada e oggi sono vittima di un episodio accaduto per strada: una cosa che ha dell’incredibile nel 2019. Per i sacrifici che ho fatto in tutta la mia vita e per tenere i miei figli lontani dalla strada, torno a riproporre l’appello. Se qualcuno ha coraggio o voglia di dare un segnale, un avviso, per aiutare le autorità giudiziarie a risolvere questo problema, io sarei estremamente grato, anche perché è impossibile che ancora oggi nelle strade succedano queste cose”. Interrogato dagli investigatori, il soggetto identificato come uno dei partecipanti alla rissa scoppiata nel pub poco prima del ferimento del nuotatore avrebbe negato un suo coinvolgimento, nonostante sul volto si notino i segni di una scazzottata.

VITTIMA DI PEDOFILIA PROTESTA 

SEGUICI SU FACEBOOK 

 

 

 

 

Pubblicità

Cronaca

ROMA Bimba di 10 anni muore dopo operazione all’orecchio: condannati 2 anestesisti

Pubblicato

in

Di



La bambina era morta nel marzo del 2014 a seguito di un’operazione all’orecchio.

Si è concluso il processo legato alla morte della bimba di 10 anni che nel 2014 era stata sottoposta presso la clinica Villa Mafalda ad un’operazione all’orecchio considerata di routine. Sono stati condannati a 2 anni di reclusione i due anestesisti con l’accusa di omicidio colposo, poiché per l’accusa si sarebbero allontanati dalla sala operatoria dopo aver somministrato l’anestesia. La pena è sospesa in quanto subordinata al pagamento di una provvisionale di  550mila euro da destinare ai familiari che si sono costituiti parte civile. Assolti dal giudice il chirurgo, un suo collaboratore e la direttrice sanitaria della struttura perché “il fatto non sussiste”.

ROMA, SGARBI SI CANDIDA SINDACO

SEGUICI SU FACEBOOK

Continua a leggere

ARTICOLI PIU'LETTI DELLA SETTIMANA