Bomba agli Irriducibili — Diabolik: “Pronti a tornare agli anni ’70”

Bomba agli Irriducibili — Diabolik, al secolo Fabrizio Piscitelli, leader del gruppo ultras biancoceleste, ha commentato la notizia dell’ordigno esploso la scorsa notte di fronte alla sede

Bomba agli Irriducibili, Diabolik all’Adnkronos: “Se vogliono tornare al terrorismo degli anni ’70 noi siamo pronti, non vedo l’ora. Di certo non ci tiriamo indietro. Siamo abituati a situazioni peggiori e non abbiamo paura, ma chi ha messo la bomba ha dimostrato di averne. Si tratta di un episodio all’insegna della vigliaccheria, un piano eseguito in piena notte: avrebbero potuto ferire chi dorme nei paraggi, in strada. Sanno dove stiamo, sanno dove abito e sanno bene che al di là di quella saracinesca c’è una associazione che si occupa del sociale, dove non si fa politica. Noi andiamo allo stadio, fine. Poi, certo, siamo fascisti, gli ultimi fascisti di Roma, e non rinneghiamo niente di tutto questo. È un movente politico, dunque, ad aver armato la mano di chi ha piazzato la bomba. Quanto accaduto si può ricondurre alla situazione relativa allo striscione fascista dei giorni scorsi, ma in ogni caso noi non ci tiriamo indietro” ha tuonato il leader degli Irriducibili.

Ti potrebbe interessare