fbpx
Seguici sui Social

Attualità

Scuola, previsto tavolo tecnico con comitato romano Aec

Pubblicato

in



Mettere al centro le condizioni di lavoro degli operatori e la tutela degli alunni con disabilità nel sistema educativo e scolastico di Roma Capitale. Con questo obiettivo, a partire dal 10 gennaio, prenderanno il via i tavoli tecnici che coinvolgeranno l’Amministrazione Capitolina e il Comitato Romano AEC. Questo è quanto si evince da un incontro tra i rappresentanti del Comitato e gli assessori capitolini Antonio De Santis (al Personale) e Veronica Mammì (alla Persona, Scuola e Comunità solidale). Con questa linea si intende dare ascolto a tutte le persone che lavorano nel settore recependone proposte, osservazioni, istanze e valutare le prospettive di evoluzione normativa del settore.

 

Attualità

WILLY Autopsia choc: “Organi vitali spappolati”

Pubblicato

in



WILLY Autopsia choc sul corpo del 21enne ucciso a Colleferro: i risultati.

WILLY Autopsia – Diversi gli organi vitali trovati spappolati: tra essi, il cuore, i polmoni, la milza e il fegato. Lesioni sono state riscontrate inoltre anche sull’aorta. Una circostanza che ha impedito ai medici legali di decretare l’esatta causa della morte. Ad uccidere il 21enne, scrive Saverio Potenza, il medico di Tor Vergata che ha curato l’autopsia, “un complesso traumatismo che si è realizzato con più azioni lesive“. Almeno sei infatti le lesioni rinvenute sul volto, causa anche di emorragie cerebrali. Ma i danni maggiori Willy li ha ricevuti dai colpi a torace e addome: il cuore ha infatti riportato una lesione di ben 7 cm, cui si aggiungono quelle all’aorta toracica, ai polmoni, al diaframma, alla milza, al pancreas e al fegato. Praticamente niente è scampato alla furia degli aggressori. Che hanno causato emorragie interne impossibili da fermare.

Le indagini

Intanto continuano le indagini degli inquirenti: in particolare, l’ascolto dei testimoni, decisivo per dare un nome a chi ha sferrato i colpi letali. E spunta un testimone chiave: si tratta di V.T., finito anche lui in camera di sicurezza insieme ai fratelli Bianchi, a Pincarelli e a Bellegia la notte dell’aggressione. L’uomo aveva rilasciato una testimonianza sull’accaduto, non raccolta però dagli inquirenti, che avevano deciso di non fermarlo. Nuovi dettagli, e nuovi sviluppi, potrebbero dunque arrivare dalle sue parole, oltre che dall’analisi delle celle telefoniche.

Continua a leggere

ARTICOLI PIU'LETTI DELLA SETTIMANA